(Shutterstock)
Era il lontano 1882 quando a Milano nasceva la SIAE, Società Italiana degli Autori ed Editori, l’ente pubblico economico a base associativa per la gestione del diritto d’autore. Il suo ruolo, allora come oggi, è quello di proteggere la paternità delle opere creative e di incassare i diritti d’autore che gli utilizzatori di un brano sono tenuti a pagare, ad esempio le radio per mandare in onda una canzone.
SIAE abbraccia l’innovazione con la Blockchain
Abitualmente ci si lamenta della scarsa efficienza degli enti pubblici italiani, ma non è il caso di SIAE. Infatti pochi sanno che la SIAE è al sesto posto della classifica mondiale delle società di collecting, come confermato dai dati del Global Collections Report 2018. Se dopo quasi 140 anni di vita, la SIAE è ancora all’avanguardia è grazie a un…



Leggi l’articolo su blogstar.org.uk