Bruxelles vuole accertare che l’app di messaggistica abbia fornito ai suoi utenti tutte le informazioni sulla condivisione dei loro dati e che non abbia usato metodi aggressivi per ottenere il via libera



Leggi l’articolo su wired.it