Si chiama Hannes, e a svilupparla sono i ricercatori di robotica dell’Istituto italiano di tecnologia con gli esperti in disabilità e riabilitazione dell’Inail. Ed è una delle protesi alla mano più avanzate e funzionali mai realizzate finora.

Replica alla perfezione le proprietà biologiche della mano umana, riuscendo a compiere movimenti coordinati, precisi, rapidi e anche energici e consente di ripristinare il 90% delle azioni anche a chi ha perso l’estremità dell’arto subendo un’amputazione. In questo video, diffuso dallo stesso Iit, vedrete com’è fatta e a quali tecnologie si deve il suo enorme potenziale.

(Credit video: Iit-Inail)

The post La mano artificiale dell’Istituto italiano di tecnologia è quasi una mano vera appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it