(Shutterstock)
di Pasquale Sasso
Se, oggi, alcune persone sostengono ancora che i musei rappresentino “luoghi noiosi e polverosi” si sbagliano di grosso. Anche se l’ICOM lo definisce come “un’istituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della società, e del suo sviluppo, aperta al pubblico, che effettua ricerche sulle testimonianze materiali ed immateriali dell’uomo e del suo ambiente, le acquisisce, le conserva, e le comunica e specificatamente le espone per scopi di studio, istruzione e diletto”, negli ultimi anni l’istituzione museo si sta caratterizzando, all’estero più che in Italia, come un luogo di innovazione e di sperimentazione di nuovi linguaggi. Un esempio di questa forte spinta innovativa che hanno fatto registrare alcuni importanti musei internazionali, è stata l’intuizione di introdurre, all’interno delle loro strategie di audience development e audience engagement, il ricorso a uno strumento considerato fino a questo momento ag…



Leggi l’articolo su blogstar.org.uk