In otto ore si può volare da un continente all’altro, oppure trasformare l’arena di un concerto in uno stadio da Nba. A Brooklyn, a dire il vero, capita spesso. La squadra di casa, i Brooklyn Nets, gioca infatti al Barclays Center, l’arena che ha aperto i battenti nel settembre 2012 e ha ospitato  negli ultimi anni concerti di artisti del calibro di Beyoncé, Madonna e Bruce Springsteen.

Nei prossimi mesi, per capirci, si esibiranno in questo palazzetto Bon Iver, The Chainsmokers, Ariana Grande e Marc Anthony, e andranno in scena match che vedranno contrapposti i padroni di casa ai New York Knicks, agli Indiana Pacers e ai Minnesotha Timberwolves. Insomma, per gli addetti che si occupano di riconvertire ogni volta l’impianto da location per concerti a palcoscenico per il basket, le sfide non mancano: posare ogni volta il parquet, sistemare le sedie e gli spazi per le squadre sul perimetro dell’area di gioco è complesso, per usare un eufemismo. Tuttavia, come dimostra questo video, bastano 8 ore – e molta professionalità nel settore logistica – per cambiare volto a un edificio che ospita, in media, fino a più di 17mila persone per il basket e 19 mila per gli eventi musicali (per chi non ama l’Nba e preferisce l’hockey, il  Barclays Center ospita anche la Nhl, con i New York Islanders).

Certo, è un duro lavoro per chi monta e smonta, ma in cambio ogni volta arriverà la gratitudine di chi può applaudire, anche a distanza di poche ore, una gran performance musicale e un arresto e tiro eseguito ad arte.

The post La spettacolare metamorfosi del palazzetto più grande di Brooklyn appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it