Guest post di Paul Bates, redattore tech di EssayTask e SwiftPapers. 

La blockchain ha guadagnato popolarità negli ultimi anni grazie al suo potenziale utilizzo, il quale include la possibilità utilizzare la tecnologia per proteggere la proprietà intellettuale. 

Read this article in the English version here.

Tra i numerosi settori in cui questa tecnologia può essere applicata c’è la protezione della proprietà intellettuale, che suscita notevole interesse da parte delle imprese e degli individui.

Registro dei diritti di proprietà intellettuale

La registrazione dei diritti intellettuali, la conservazione delle opere originali e la catalogazione sono alcuni degli usi della blockchain. 

“Il copyright esiste automaticamente creando un’opera originale, il che significa che non c’è un modo adeguato per gli autori di registrare le loro opere, contrariamente a quando utilizzano altri marchi registrati che sono depositati su vari registri”,

spiega Frank Peters, blogger tech di Dissertation Writing Service e ConfidentWriters

Sta diventando difficile per gli autori sapere chi sta usando il loro lavoro e anche i terzi non hanno idee su come cercare una licenza dal proprietario, il che rende impossibile guadagnare adeguatamente dal loro lavoro. Con la blockchain è impossibile per gli altri utenti fare delle modifiche, poiché le transazioni sono immutabili. In questo modo i titolari possono provare la proprietà.

Gestione dei diritti di proprietà intellettuale

La blockchain è in grado di gestire i diritti digitali e le transazioni di proprietà intellettuale; ciò è possibile in quanto è in grado di eseguire, monitorare e conservare i codici contrattuali. 

Le informazioni contenute in questa tecnologia possono stabilire e far rispettare gli accordi di proprietà intellettuale e consentire la trasmissione in tempo reale dei pagamenti ai proprietari. La tecnologia protegge i dati in forma di contenuto, ad esempio codificando una canzone in forma digitale. Kodak Company, ad esempio, ha dimostrato la notorietà della blockchain attraverso il recente lancio di una politica di gestione dei diritti d’immagine basata sulla blockchain.

“Le aziende possono utilizzare la blockchain per gestire e migliorare i loro diritti nella governance quotidiana e nella gestione delle transazioni”,

afferma Michael Colt, business writer di Popular Biographies e Paper Writers for Hire

Un esempio è quello di effettuare audit sulla proprietà intellettuale nel caso in cui l’organizzazione ha il diritto legale di entrare in contatto con registrazioni di proprietà intellettuale complete, immutabili e con data e ora che vengono generate insieme a tutti gli utenti esterni. 

Ciò fornisce una protezione contro la responsabilità derivante dalla violazione dei diritti a causa di una governance o di una supervisione inadeguata e rafforza il riconoscimento dei beni creati all’interno dell’impresa. 

I registri blockchain non possono essere modificati retroattivamente

Questo fatto rende più facile per i proprietari di rivendicare i diritti di proprietà intellettuale nei casi di violazione. Utilizzando la blockchain, i creatori hanno la prova di dove l’opera è stata creata e poi utilizzata, il che la rende una soluzione ideale, poiché non sussistono più dubbi. 

La blockchain è in grado di tracciare l’uso successivo della proprietà intellettuale, che è molto importante in quanto risolve i problemi di facile ed economica riproduzione del contenuto della proprietà intellettuale.

Creazione di prove di proprietà

La tecnologia blockchain fornisce elementi che provano la proprietà intellettuale non registrata, come il diritto d’autore e i diritti su disegni e modelli non registrati, in quanto dimostra l’uso, lo stato, la concezione e i requisiti di qualificazione. La blockchain mostra l’originalità e il paese che per primo ha commercializzato il disegno. 

Il progettista è tenuto a caricare l’opera originale assieme ai dettagli su questa tecnologia la quale creerà prove sostanziali e registrazioni con data e ora per dimostrarne l’originalità. La prova sembra essere più utile per il titolare della proprietà intellettuale non registrata a Berna che non può registrare i diritti di proprietà intellettuale non registrati.

Applicazione dei diritti intellettuali e anticontraffazione

Un registro blockchain è in grado di mostrare al licenziatario autorizzato chi è il proprietario ed altri dettagli che consentono alle autorità doganali, ai consumatori e a chiunque sia coinvolto nella catena di fornitura di distinguere un prodotto valido da quello falso e di conoscere gli autentici creatori del prodotto. 

Questo è possibile perché la tecnologia registra dettagli verificabili delle fonti di materie prime, del processo di produzione e del luogo di fabbricazione. La blockchain sta guadagnando popolarità in quanto consente l’autenticazione della provenienza e rassicura gli enti di assicurazione, le autorità e i consumatori sull’autenticità del prodotto.

La blockchain ha caratteristiche aggiuntive come i tag scansionabili e i sigilli a prova di manomissione, il che è un motivo convincente per l’uso di un registro distribuito che riduce l’incidenza di contraffazioni. Il proprietario informa le autorità coinvolte delle caratteristiche dei loro prodotti e ciò facilita il controllo dei prodotti contraffatti da parte delle autorità di frontiera. 

La tecnologia offre anche l’opportunità di educare gli utenti sui rischi di contraffazione e la possibilità di sapere se la merce che acquistano è originale o meno. La blockchain è utilizzabile con marchi di certificazione per dimostrare che un prodotto soddisfa gli standard stabiliti.

Accettazione legale

La blockchain ha ricevuto il riconoscimento giudiziario da molte nazioni ad oggi; i legislatori di diversi paesi stanno proponendo diverse iniziative per il riconoscimento di documenti basati sulle tecnologie blockchain. Questo dimostra che i governi e gli individui sono interessati a questa tecnologia, in quanto ha dimostrato la capacità di mantenere l’originalità della proprietà. Su questa base, il settore blockchain sta elaborando nuovi progetti in grado di generare certificati senza alcuna divulgazione dei dati a qualsiasi persona, nemmeno al creatore della tecnologia. 

Tutte le informazioni inviate saranno crittografate localmente prima di raggiungere il server, e la chiave di crittografia rimane solo all’utente e non viene mai inviata ai server. Per la convalida di un certificato blockchain è necessario fornire l’esatto documento originale con le modifiche. In caso contrario non vi è alcuna validità della certificazione.

La tecnologia blockchain è una garanzia per il futuro, come dimostrato dalla sua capacità di gestire i diritti digitali, stabilire e far rispettare gli accordi di proprietà intellettuale, proteggere l’originalità di un prodotto, disincentivare le contraffazioni e trasmettere i pagamenti ai proprietari in tempo reale. Questa è pura prova che la blockchain sarà sicuramente in grado di proteggere la proprietà intellettuale.

The post La tecnologia Blockchain per proteggere la proprietà intellettuale appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it