Redatto da Oltre la Linea.

L’ha detto davvero. Gad Lerner non mostra segnali di cedimento nell’odio verso i poveri, italiani o rom che siano. A Le parole della settimana su Rai 3, dopo un intervento abbastanza esaustivo di Federico Rampini (“Questi scontri sociali non avvengono mai nei quartieri benestanti dove il PD prende voti, c’è un motivo”), il giornalista mentalmente aperto non le manda a dire: “Il problema è che ai Parioli e le altre zone dei centri cittadini, un edificio, un locale ha un tale valore immobiliare che nessuno mai penserebbe di destinarlo all’accoglienza dei richiedenti asilo o dei rom“.

Tentando di equilibrare il suo commento, mette poi la toppa peggiore del buco: “Bisognerebbe, se fossimo davvero coerenti, di sinistra ma anche la destra che dice di difendere il popolo, immaginare confische, requisizioni nei quartieri più benestanti”.

In parole povere, per Gad Lerner le requisizioni sono lecite solo per le case popolari. E se proprio si deve, requisiamo le case in generale, anche nelle zone ricche, perché bisognerebbe accogliere i “rifugiati” anche a discapito del diritto alla propria casa.

Un corto circuito terribile, ovviamente fuori da qualsiasi forma di logica, le cui direttrici sono sempre le stesse: l’odio per gli italiani, l’odio per gli stranieri mascherato, il classismo snob imperante.

(di Stelio Fergola)

L’articolo Lerner: “Le case ai Parioli valgono troppo per i rom” proviene da Oltre la Linea.



Leggi l’articolo completo su oltrelalinea.news