Lo ha stabilito la Commissione europea, andando contro una sentenza del garante per la protezione dei dati che aveva imposto la cancellazione delle informazioni relative a persone non coinvolte nelle indagini



Leggi l’articolo su wired.it