Freischwimmer
“Mio padre era un collezionista di arte antica, invece io ho scelto il contemporaneo. Nella prima parte della mia vita mi sono dedicato alla professione medica, nella seconda al collezionismo, rivolgendo molto tempo a questo hobby che per me è diventato sempre più importante”. Comincia così la sua storia di collezionista Mauro De Iorio, medico radiologo, titolare di una società proprietaria di centri diagnostici a Trento. Colleziona in principio molta arte italiana, da Ettore Spalletti, ad Alessandro Pessoli, Giulio Paolini, accanto ai quali anche alcuni artisti trentini come Stefano Cagol.
Oggi la collezione è orientata molto verso artisti internazionali di cui molti sono nomi di scoperta, come il cinese Firenze Lai, Louis Fratino, Josh Kline o Petrit Halilaj, che si affiancano a nomi classici del contemporan…



Leggi l’articolo su blogstar.org.uk