(foto: Getty Images)

Il destino delle cellule del cordone ombelicale affidate alla società svizzera Cryo-Save da migliaia di famiglie (circa 15mila quelle italiane) è ancora avvolto nella nebbia. Non sono più a Ginevra, dicono le autorità svizzere che stanno conducendo un’indagine sulla biobanca. Forse sono a Varsavia, conservati – in subappalto – dalla società FamiCord. Qualcuno? Tutti? I genitori non lo sanno e le comunicazioni sono carenti. Ripercorriamo la vicenda.

Cryo-Save

Cryo-save è (il sito è ancora online) una società privata che offre la possibilità ai neogenitori di conservare a pagamento campioni di tessuto e di sangue del cordone ombelicale, a uso e consumo esclusivo del figlio qualora abbia bisogno in futuro di proprie cellule staminali (la ricerca, comunque, è ancora agli inizi per quanto riguarda l’utilizzo terapeutico di cellule autologhe).

In Italia, infatti, è possibile solo donare le cellule del cordone, che a quel punto vengono stoccate gratuitamente in strutture pubbliche e rese disponibili per chiunque ne abbia necessità per problemi medici. La Cryo-Save, che aveva una sede anche a Roma, dal 2014 garantiva ai genitori la conservazione dei campioni del figlio per venti anni, a una cifra relativamente modesta, tra i 2000 e i 2500 euro.

Navigare in cattive acque

Dalla scorsa primavera, però, qualcosa ha cominciato a non tornare. L’ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) e Swissmedic (l’autorità di sorveglianza dei medicinali e dispositivi medici) elvetici ricevono la comunicazione da parte della stessa Cryo-Save che i campioni conservati nel loro centro a Plan-les-Ouates (Ginevra) stanno per essere trasferiti in Polonia, ma i referenti dell’operazione risultano irraggiungibili. Le autorità svizzere a quel punto decidono di agire e già ad agosto revocano alla Cryo-Save “l’autorizzazione per l’importazione/esportazione e la conservazione di cellule staminali ricavate dal sangue del cordone ombelicale”. Il sospetto – più di recente tramutatosi in capo d’imputazione a seguito della denuncia delle stesse autorità – è che la società abbia violato la legge sui trapianti contravvenendo all’obbligo di notifica e cooperazione con enti e persone interessate. Tra il 10 e l’11 settembre sono anche state fatte perquisizioni a Plan-les-Ouates, che sembrano confermare che i campioni biologici siano effettivamente stati trasferiti. Dove e come, però, non è ancora stato possibile accertarlo.

Famiglie all’oscuro

Proprio mentre in Svizzera le autorità cominciavano a investigare, in Italia le famiglie che avevano scelto Cryo-Save per conservare il sangue del cordone ombelicale per i propri figli cominciavano a ricevere comunicazioni – diciamo così – ambigue. Proposte di prolungare dietro compenso il periodo di conservazione oltre i 20 anni garantiti, seguite dalla notifica che i campioni stavano per essere trasferiti a Varsavia (Polinia) e che sarebbero stati aggiornati. I contatti di riferimento forniti, però, non sono raggiungibili, il sito internet per un periodo sparisce e sembra che il ramo italiano di Cryo-Save sia fallito. Insomma, notizie precise non si riescono ad avere, tant’è che per scambiarsi informazioni e rimanere aggiornate le famiglie si sono riunite in gruppi social.

A oggi sembra che i campioni biologici siano stati passati da Cryo Save a Pbkm, una società del gruppo FamiCord, che ha rilasciato un comunicato ufficiale con alcune Faq: “Quasi tutti i campioni di cellule staminali precedentemente conservati in Europa da Cryo-Save sono stati trasportati in sicurezza presso il principale laboratorio di FamiCord Group a Varsavia. Cryo-Save mantiene il contratto con i suoi Clienti. Cryo-Save e FamiCord a Febbraio 2019 hanno siglato un accordo per il  trasferimento e lo stoccaggio dei campioni di cellule staminali dei clienti Cryo Save presso FamiCord Group. E’ una soluzione frequente nel settore delle banche di cellule staminali familiari. Obiettivo di questo accordo è quello di garantire la continuità della conservazione del materiale biologico. […] I Clienti di Cryo-Save che desiderano verificare se i loro campioni sono stati trasferiti in FamiCord possono compilare un form sul sito www.famicord.eu”.

The post Migliaia di campioni di staminali da cordone sono scomparsi. 15mila le famiglie italiane coinvolte appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it