Redatto da Oltre la Linea.

Ancora presto per dirlo chiaramente, ma l’annuncio dei Minibot, ovvero titoli di Stato piccolo taglio spendibili, ha scosso e di molto l’ambiente finanziario internazionale. Moody’s ha parlato addirittura di preparazione dell’Italia all’uscita dalla zona euro, mentre Mario Draghi è stato ancora più severo: “O è debito o è denaro illegale”.

Per ora in parlamento si è votata soltanto la possibilità che i Minibot diventino realtà, o per meglio dire la possibilità che lo Stato paghi i debiti della pubblica amministrazione anche “con titoli di Stato di piccolo taglio“. E la strada perché lo diventino è costellata di insidie, probabilissime retromarce, senza contare che sullo sfondo ci sono sempre le sempreverdi minacce di Bruxelles.

Certo è che l’idea sembra concepita proprio per aggirare il più possibile le influenze esterne, come aveva anticipato già da Claudio Borghi a febbraio.

“Una volta messi in circolazione, sarà un po’ difficile per chi in futuro magari vorrà aggredirci con dei metodi “tipo Grecia” – vedi “chiudi le banche” – a far la stessa cosa”, diceva Borghi.

Denaro contante emesso dallo Stato in concorrenza con l’attuale valuta comunitaria. Se l’Europa non ne stampa e la stessa Italia non ne ha attualmente il potere, beh, allora ognun per sé sembra essere la reazione istintiva e il messaggio chiaro di un’economia strozzata dalle regole europee come quella italiana.

Un debito parallelo, completamente italiano, e necessario per investire laddove Bruxelles non ci ha mai consentito con il suo cappio al collo ventennale? Vedremo. Quel che è certo è che la notizia un pochettino ha preoccupato gli ambienti europeisti, segno della percezione internazionale del ruolo dell’Italia e della paura per un’eventuale uscita dall’euro del Belpaese.

Il problema maggiore è che anche gli italiani hanno paura, anche comprensibilmente. Non si rendono conto della propria forza, sono stati educati a non percepirla, non concepiscono di vivere in una Nazione che oggi, da zoppa, è comunque tra le prime 10 economie mondiali e che con qualche carta da giocare in più era arrivata tra le prime cinque una trentina d’anni fa.

Se si riuscisse a fare emergere questa consapevolezza, la realizzazione dei Minibot potrebbe non essere proibitiva, e il suo stesso successo molto meno improbabile di quanto lo percepiamo attualmente.

Vedremo.

(di Stelio Fergola)

L’articolo Minibot, la sfida dell’Italia all’Europa? originale proviene da Oltre la Linea.



Leggi l’articolo completo su oltrelalinea.news