Nasdaq ha siglato una partnership con CryptoCompare per integrare all’interno della propria piattaforma di informazioni finanziarie Quandl i prezzi delle crypto.

L’annuncio ufficiale è stato dato dato da CryptoCompare, affermando che questo nuovo prodotto consentirà agli investitori istituzionali di monitorare la nascente classe di risorse digitali grazie ad una fonte di dati attendibile, per valutare le opportunità di investimento nel settore.

Il servizio, infatti, è rivolto agli utilizzatori della piattaforma Quandl, tra i quali spiccano proprio i clienti istituzionali di Nasdaq ed ha come obiettivo quello di migliorare la conoscenza di questi grossi investitori istituzionali riguardo i mercati delle criptovalute, in particolare per elaborare strategie di negoziazione, ricerche quantitative, modellizzazione del rischio, calcoli del NAV e test retrospettivi.

Tra i clienti che utilizzano la piattaforma Quandl per informarsi sui dati provenienti dai mercati finanziari ci sono hedge fund, asset manager e banche d’investimento.

Il prodotto sarà basato sui dataset aggregati di CryptoCompare e fornirà i dati sui prezzi delle criptovalute minuto per minuto, per i mercati crypto più liquidi.

Questi set di dati riguardano anche gli ordini, le serie storiche a partire dal 2013, ed informazioni estratte dalle blockchain o dal contesto sociale, provenienti da oltre 150 exchange riconosciuti a livello globale, e controllati con regolarità per garantirne l’integrità, con oltre 5.800 monete e 270.000 coppie di scambio monitorate.   

Charles Hayter, cofondatore e CEO di CryptoCompare, ha dichiarato:

“Siamo lieti di collaborare con Nasdaq al prodotto congiunto Aggregate Crypto Reference Prices. Dati affidabili sono il fondamento di mercati trasparenti e liquidi, e portando il nostro set di dati granulari di alta qualità a una base di clienti istituzionali globali, tramite la piattaforma Quandl, daremo ai trader e agli investitori un vantaggio competitivo”.

The post Nasdaq: la piattaforma Quandl ora segna i prezzi crypto appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it