Redatto da Oltre la Linea.

Quest’anno ricorre il 20° anniversario dell’adesione della Cina all’Organizzazione mondiale del commercio (OMC). Ma 20 anni dopo, i legami tra Cina e Stati Uniti sono a un punto basso, portando alcuni studiosi e politici statunitensi a riflettere su “cosa è andato storto” con la “politica di coinvolgimento” degli Stati Uniti nei confronti della Cina negli ultimi decenni. Invitato dai giornalisti del Global Times Hu Yuwei e Gu Di, John Mearsheimer, eminente studioso americano di relazioni internazionali, noto in Cina per il suo libro The Tragedy of Great Power Politics (2001) , e lo studioso cinese Professor Wang Yiwei ( Wang) della Renmin University of China, anche traduttore del libro di Mearsheimer, ha tenuto un’approfondita videoconferenza scambiando opinioni sul conseguente conflitto tra i due paesi e sulla loro direzione futura comune.

Mearsheimer, un critico della “politica dell’engagement”, sostiene che il copione americano per la Cina è stato un completo fallimento. Crede che non ci fosse un punto critico tra le superpotenze nella Guerra Fredda che sia pericoloso quanto Taiwan lo è oggi. La futura cooperazione tra i due sarà smorzata dallo slancio dei crescenti conflitti.  

Wang, al contrario, vede i legami tesi come una tragedia del Washington Consensus, ma non una tragedia delle grandi potenze. Crede che le sfide comuni che l’umanità dovrà affrontare in futuro siano le questioni principali che devono essere affrontate congiuntamente dalle due nazioni. 

Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle degli autori e non riflettono necessariamente la posizione del Global Times.

John Mearsheimer in un dialogo con Wang Yiwei Foto: Hu Yuwei/GT


Parte 1 Legami deteriorati una tragedia delle grandi potenze?

Mearsheimer: Quando ho scritto il libro nel 2001, le relazioni tra Cina e Stati Uniti erano eccellenti. Ma oggi i rapporti sono diventati terribili, persino ostili. La domanda è: cosa è successo? Nel 2001 abbiamo operato in un mondo unipolare in cui gli Stati Uniti erano di gran lunga il paese più potente del mondo. La Cina non era in grado di sfidare gli Stati Uniti, quindi i due paesi andavano d’accordo abbastanza bene. 

Ma quando la Cina è diventata più potente, ha iniziato a fare mosse per dominare l’Asia nello stesso modo in cui gli Stati Uniti dominano l’emisfero occidentale. Penso che questo abbia perfettamente senso dal punto di vista della Cina. Ma gli Stati Uniti temono la crescita del potere cinese e sono decisi a impedire alla Cina di dominare l’Asia. Gli Stati Uniti non tollerano concorrenti alla pari. 

Wang: Nel 2001, la Cina ha aderito all’OMC, un’opportunità drammatica in quanto la Cina poteva far parte della super globalizzazione o della globalizzazione del nuovo liberalismo con la mentalità del Washington Consensus. I paesi occidentali traggono enormi profitti dall’accesso della Cina all’OMC. Ma i rapporti sono peggiorati sempre di più, non a causa della tragedia delle grandi potenze, ma della fine della globalizzazione del nuovo liberalismo. 

E ora con il COVID-19, le persone stanno dichiarando la fine della nuova globalizzazione della liberazione. Anche gli Stati Uniti ora vogliono costruire un nuovo sistema, soprattutto nella regione indo-pacifica, per ricostruire l’India e sostituire la Cina come fabbrica mondiale che beneficia dell’accesso all’OMC. Gli Stati Uniti ora vogliono costruire una nuova catena di approvvigionamento globale disaccoppiata o “de-chinalizzata”. Il risultato è una tragedia del Washington Consensus ma non delle grandi potenze.

Mearsheimer: I nostri argomenti non si escludono a vicenda. Hai ragione nel dire che gli Stati Uniti hanno aiutato a integrare la Cina in questa economia altamente globalizzata e hanno aiutato la Cina a crescere ricca. La Cina ha fatto un ottimo lavoro sfruttando la globalizzazione per diventare un paese particolarmente potente. Gli Stati Uniti pensavano che fosse una buona cosa, perché, come ho detto nel recente articolo pubblicato su Foreign Affairs, la Cina sarebbe diventata una democrazia liberale e uno “stakeholder responsabile” in un ordine internazionale guidato dagli americani. Quindi, Washington ha contribuito a facilitare la crescita cinese attraverso la sua politica di impegno. 

Ma come ho avvertito nel 2001, se la Cina avesse continuato a crescere economicamente, era probabile che ci saremmo trovati in una situazione terribile in cui i due paesi, invece di avere relazioni amichevoli, avrebbero avuto relazioni ostili.

Gli Stati Uniti erano intossicati dal trionfalismo liberale dopo la Guerra Fredda. Pertanto, ha deciso di perseguire l’impegno, che ha aiutato la Cina a crescere più prospera e ha portato alla situazione attuale.

Wang: La logica dietro la tua enfasi sull’aiuto degli Stati Uniti alla Cina è una logica cristiana che vede lo sviluppo della Cina come l’offerta dell’America, come se fosse un dono. È essenzialmente un modo di pensare religioso nel cuore dell’America, principalmente centrismo americano e destino manifesto.

Wang Yiwei

Wang Yiwei

Parte 2 – La politica di impegno degli Stati Uniti nei confronti della Cina ha davvero fallito?

Mearsheimer: Non c’è dubbio che negli Stati Uniti ci sia la forte sensazione che siano la città sulla collina. Questo è l’eccezionalismo americano. La maggior parte degli americani crede che se ogni paese assomigliasse agli Stati Uniti, vivremmo tutti felici e contenti. 

Quindi, quando la Guerra Fredda finì nel 1989, gli Stati Uniti decisero sostanzialmente di provare a rifare il mondo a propria immagine. Per quanto riguarda la Cina, gli Stati Uniti hanno perseguito una politica di impegno. L’idea era che se la Cina fosse stata integrata nell’economia internazionale e nelle istituzioni internazionali come l’OMC, sarebbe diventata ricca e poi si sarebbe trasformata in una democrazia come gli Stati Uniti. I due paesi sarebbero quindi andati d’accordo pacificamente per il prossimo futuro. Questo era il “sogno cinese” dell’America.

Ma non ha funzionato. La Cina è sicuramente diventata più potente dall’inizio degli anni ’90, ma non ha finito per assomigliare agli Stati Uniti. Non è sorprendente. La Cina è un paese che ha una cultura profonda e ricca e ha i suoi valori. Ha le sue preferenze riguardo al tipo di sistema politico che vuole avere. La maggior parte dei politici americani non è riuscita a capire questo fatto fondamentale della vita. Pensavano di poter fare ingegneria sociale in Cina, Russia, Iraq e Afghanistan, quattro paesi in cui la politica degli Stati Uniti ha portato a colossali fallimenti. Inoltre, la Cina oggi è un concorrente alla pari degli Stati Uniti. 

Il fidanzamento era una politica straordinariamente sciocca. Non c’è modo che gli Stati Uniti possano cambiare la cultura politica cinese in alcun modo significativo e rendere la Cina ricca porre fine all’unipolarismo.

Wang:La Cina accetta anche i valori americani di democrazia e libertà, come il modo in cui la Cina ha adottato il buddismo dall’Asia e dall’India, e lo rendiamo localizzato. Non siamo contro i valori umani della democrazia e della libertà. Ciò a cui siamo contrari è che l’America usi i suoi valori per costringere la Cina a conformarsi, per interferire negli affari interni della Cina e usare Taiwan come pedina democratica sulla scena internazionale. Questo è il motivo per cui la Cina è arrabbiata. 

In secondo luogo, siamo più influenzati dai nostri antenati, non dagli Stati Uniti perché è una potenza molto giovane. La politica di coinvolgimento ha solo decenni, mentre la Cina ha una storia di 5000 anni. 

Mearsheimer:Il nazionalismo è l’ideologia politica più potente del pianeta. Tutti i paesi vogliono determinare da soli quale sarà il loro sistema politico. Non vogliono che altri paesi, inclusi gli Stati Uniti, interferiscano nella loro politica. Come ricorderete, la maggior parte degli americani era indignata al pensiero che la Russia potesse interferire nelle elezioni del 2016. Questa è stata vista come una violazione inaccettabile della sovranità americana. Ma gli Stati Uniti decisero, a partire dai primi anni del momento unipolare, che avrebbero interferito nella politica cinese. Non sorprende che quella politica sia fallita e abbia fatto arrabbiare molti cinesi nel processo. 

Wang: Questo è il consenso raggiunto. Ogni paese dovrebbe avere il proprio modello senza interferenze esterne. Questo non è nazionalismo ma sovranità.

Hai detto che la politica di coinvolgimento è fallita. In realtà, la politica di impegno inizia con l’apertura della porta della Cina da parte dell’ex presidente Nixon, e ha anche aiutato gli Stati Uniti a sconfiggere l’Unione Sovietica e poi il Giappone economicamente.

Quindi una politica di coinvolgimento avvantaggia enormemente gli Stati Uniti a lungo termine.

John Mearsheimer

John Mearsheimer


Parte 3 – La riunificazione pacifica può avvenire senza l’interferenza degli Stati Uniti?

Wang: C’è un grosso malinteso su Taiwan. I cinesi credono che Taiwan siano i nostri affari interni. Se non puoi liberare l’isola di Taiwan, come puoi ottenere il grande ringiovanimento della nazione cinese? Ma nella logica di molti americani, Taiwan non riguarda la guerra civile cinese, ma la cosiddetta democrazia. L’America pensa che la riunificazione nazionale della Cina minerà il dominio degli Stati Uniti nella regione del Pacifico occidentale, o anche il sistema di alleanze degli Stati Uniti.

Mearsheimer:Capisco che la questione di Taiwan sia vista dai cinesi come una questione di politica interna. Ma è importante capire che, dal punto di vista americano, quell’isola è di enorme importanza strategica. Se la Cina riprenderà l’isola è molto importante per la competizione sulla sicurezza tra Pechino e Washington.

Per il prossimo futuro, gli Stati Uniti si impegneranno a impedire alla Cina di riprendersi quell’isola. Certo, questo creerà grossi problemi alla Cina, che vuole riprendersi l’isola di Taiwan non solo per ragioni strategiche, ma soprattutto perché è territorio sacro. 

Se si decidesse la riunificazione pacifica, non credo che gli Stati Uniti proverebbero a fermarla. La vera domanda è se gli Stati Uniti entrerebbero in guerra per difendere Taiwan se la forza militare fosse usata per raggiungere la riunificazione.

Credo che l’amministrazione Biden – e le future amministrazioni – lotterebbero per impedire la riunificazione con mezzi militari per due ragioni. Primo, se gli Stati Uniti non facessero nulla per proteggere Taiwan, arrecherebbero enormi danni alle alleanze americane in Asia. I costi di reputazione sarebbero enormi. In secondo luogo, l’isola è un’importante risorsa strategica per mantenere le forze militari cinesi imbottigliate all’interno della cosiddetta “catena della prima isola”. Ciò è molto importante per contenere il potere cinese.

Non c’è modo che questo problema possa essere risolto attraverso i negoziati. Gli Stati Uniti non permetteranno alla Cina di riprendersi l’isola senza combattere, mentre la Cina è profondamente impegnata a riprendersela. Questo stallo rende particolarmente pericolosa la competizione strategica tra Pechino e Washington. Non c’era nessun punto critico tra le superpotenze nella Guerra Fredda che è pericoloso quanto Taiwan è oggi.

Wang: Se hai letto L’arte della guerra di Sun Tzu, saprai che contiene una frase chiamata “sottomettere un nemico senza combattere”. Se la Cina è abbastanza forte da dissuadere gli Stati Uniti dall’interferire nella questione di Taiwan, in futuro potrebbe essere possibile una riunificazione pacifica senza l’interferenza degli Stati Uniti. 

Inoltre, quando gli Stati Uniti oltrepasseranno troppo ambiziosamente e non riusciranno a mantenere il loro status egemonico, rinunceranno definitivamente a Taiwan perché non è al centro del loro interesse nazionale.

Mearsheimer: C’è grande preoccupazione negli Stati Uniti che l’intensa competizione sulla sicurezza tra i due paesi possa trasformarsi in una guerra calda. Nessuna delle due parti vuole che ciò accada, ma non possono impedirsi di competere per la sicurezza, che permea ogni dimensione della loro relazione e corre il rischio di sfociare in una guerra sparatoria. Come mai? Perché è così che funziona la politica internazionale. È effettivamente un gioco a somma zero, e poiché la Cina sta crescendo e sfidando la posizione dominante dell’America nel mondo, è naturale che gli Stati Uniti cercheranno di contenere la Cina e cercare di rimanere lo stato dominante sul pianeta.

Parte 4 – La competizione tecnologica è inevitabile?

Mearsheimer: Oggi c’è un’intensa competizione tra Stati Uniti e Cina per lo sviluppo di tecnologie sofisticate come l’informatica quantistica e l’intelligenza artificiale, solo per citarne alcune. Gli Stati Uniti sono determinati a garantire che rimangano il paese leader al mondo in termini di sviluppo di tecnologie all’avanguardia. La Cina vuole saggiamente sostituire gli Stati Uniti e dominare quel regno.

Quale parte vince quella competizione è molto importante nel determinare quanto ricchi Cina e Stati Uniti andranno avanti, il che è di profonda importanza per modellare l’equilibrio di potere tra di loro. Questa logica spiega perché sia ​​gli Stati Uniti che l’URSS si preoccuparono molto della loro relativa ricchezza durante la Guerra Fredda. 

Wang:Ma viviamo ancora in un sistema Internet che gli Stati Uniti hanno stabilito e innovato, e non credo che la Cina sia stata un concorrente in quel regno. Ecco perché Huawei, una delle migliori aziende 5G più avanzate, soffriva ancora della giurisdizione a lungo braccio degli Stati Uniti. Come ha affermato il fondatore di Huawei Ren Zhengfei, non è un problema di un’azienda, è un problema di sistema. Nonostante sia il migliore in 5G, esiste ancora in un sistema stabilito dagli Stati Uniti.

Mearsheimer:Ma quello che vedete è che le due economie stanno diventando sempre più disimpegnate. La Cina è ora costretta a sviluppare i propri chip. Gli Stati Uniti non sono contenti del dominio cinese del 5G e stanno dicendo ai paesi di tutto il mondo di non adottare il sistema 5G di Huawei. Questo non era il modo in cui funzionava il mondo nel 2001, quando americani e cinesi credevano che le relazioni economiche tra loro fossero una torta in espansione che avvantaggiava entrambe le parti allo stesso modo. 

Negli anni successivi, tuttavia, la Cina si è arricchita a un ritmo più rapido degli Stati Uniti e Pechino ha colmato il divario di potere tra i due paesi. I cinesi sono eccezionalmente bravi nell’innovazione e nella produzione e quindi sono diventati un serio concorrente per gli Stati Uniti in modi che i sovietici non lo sono mai stati.

Naturalmente, gli Stati Uniti pensavano che man mano che la Cina diventava più potente economicamente, sarebbe diventata una parte interessata responsabile nel sistema internazionale, il che significava che si sarebbe accontentata di continuare a operare in un ordine internazionale dominato dagli americani. 

Ma quando la Cina è diventata più potente, ha voluto riscrivere le regole esistenti per soddisfare i propri interessi e creare le proprie istituzioni. Questo aveva perfettamente senso dal punto di vista di Pechino, ma non da quello americano. L’idea di aiutare la Cina a crescere nella convinzione che sarebbe diventata uno stakeholder responsabile è stata un errore strategico di prim’ordine.

Wang: La Cina è infatti più responsabile degli Stati Uniti. La Cina ha aderito a più trattati e organizzazioni internazionali rispetto agli Stati Uniti che per una volta avevano abbandonato l’OMS e l’Accordo di Parigi.

Ma ciò che conta ora è che gli Stati Uniti vogliono un nuovo sistema e una catena di approvvigionamento globale. Vuole dominare di nuovo. Ma la Cina non pensa mai al dominio. 

Parte 5 – Intensa competizione sulla cooperazione nel prossimo futuro?

Mearsheimer: Non c’è dubbio che, nonostante la competizione sulla sicurezza tra Cina e Stati Uniti, ci siano due problemi principali che richiedono la loro cooperazione: le pandemie e, cosa ancora più importante, i cambiamenti climatici. Ma la mia tesi è che più intensa è la competizione sulla sicurezza tra le due parti, più difficile sarà per loro cooperare su tali questioni. Dato che sembra che la competizione tra Cina e Stati Uniti sarà molto intensa per il prossimo futuro, sono piuttosto depresso per le prospettive che possano collaborare per affrontare le pandemie e i cambiamenti climatici.

Siamo bloccati in un’intensa competizione di sicurezza, e c’è poco che si può fare per migliorare, tanto meno per porre fine a quella rivalità.

Wang: Ma cosa succede se in futuro sorgono sfide e minacce più urgenti che richiedono un’azione congiunta? 

Onestamente, la parte cinese è più preoccupata per la politica interna americana che impedisce la futura cooperazione a causa del suo stato altamente polarizzato. Gli Stati Uniti non hanno la forte leadership cinese. 

Inoltre, ci sono numerosi politici statunitensi che incolpano di tutto la Cina, dalla guerra commerciale all’aumento dell’inflazione negli Stati Uniti a una caotica risposta alla pandemia. La Cina potrebbe persino aiutare l’America con la costruzione di infrastrutture e i debiti dei consumatori interni. Ormai gli Stati Uniti hanno perso numerose opportunità di lavorare insieme alla Cina nel tentativo di fare della Cina il capro espiatorio della governance interna degli Stati Uniti.   

Mearsheimer : Esatto. Se guardi alla politica interna degli Stati Uniti, il paese è gravemente diviso. Per gli Stati Uniti che vanno avanti, questo è un problema davvero serio che si spera venga risolto.

Wang: Ci sono numerosi politici che incolpano di tutto la Cina, dalla guerra commerciale all’aumento dell’inflazione negli Stati Uniti fino a una caotica risposta alla pandemia negli Stati Uniti. La Cina potrebbe persino aiutare l’America con la costruzione di infrastrutture e i debiti dei consumatori interni. Ormai l’America ha perso numerose opportunità di lavorare insieme alla Cina nel tentativo di fare della Cina il capro espiatorio della governance interna degli Stati Uniti.   

Mearsheimer:Quando si tratta dei problemi interni dell’America, un po’ di colpa è data alla Cina, ma non molto. I cinesi non sono solo un capro espiatorio in questo regno. È più un caso dei Democratici e dei Repubblicani che si incolpano a vicenda dei problemi interni dell’America.

Ma se passi al regno internazionale, molti americani sono molto critici nei confronti della Cina, il che non sorprende. Dopotutto, questo è successo con l’Unione Sovietica durante la Guerra Fredda. Le gare di sicurezza tra le grandi potenze tendono a diventare personalizzate. Questo è deplorevole, perché la forza trainante dietro queste competizioni tra grandi potenze è la struttura del sistema, non le personalità, le ideologie o il tipo di regime politico. 

(dal Global Times)

L’articolo “Oggi Taiwan è più pericoloso della Guerra Fredda” dice Mearsheimer originale proviene da Oltre la Linea.

Source link