Paul Volcker (Alex Wong/Getty Images)
Un giorno chiesero a Paul Volcker, economista, alto dirigente del Tesoro americano sotto la presidenza  di John Fitzgerald Kennedy, Lyndon Johnson e Richard Nixon, banchiere centrale, governatore (dal 1979 al 1987) della Federal Reserve – la banca centrale statunitense, quale fosse l’ultima innovazione interessante nel mondo della finanza. L’imponente Volcker, alto 2,01 metri, rispose sorridendo: il “bancomat”. Come dire, la marea di derivati che ha finanziarizzato il capitalismo mondiale ha raggiunto livelli eccessivi.
Ieri Volcker è morto a New York all’età di 92 anni, dopo una vita all’insegna della determinazione inusitata…



Leggi l’articolo su blogstar.org.uk