(Foto: Reddit)

Presso il Terminal 4 del Jfk di New York e il Terminal C di Newark in New Jersey sono apparsi due distributori automatici marchiati Google Fi. Spendendo 10 dollari (circa 9 euro) è possibile assicurarsi una simcard in grado di funzionare in 200 paesi del mondo con un roaming globale.

Google Fi è un operatore mobile virtuale che ha debuttato sul territorio statunitense già da diversi mesi con le prime schede che si potevano acquistare nei negozi Best Buy già da febbraio e da qualche giorno anche negli store Target. Il nuovo passo dell’iniziativa di Google è quello di dedicarsi ai viaggiatori in partenza per destinazioni in tutto il mondo con un piano piuttosto semplice e flessibile.

Entrambi i terminal interessati dal progetto sono quelli destinati a voli intercontinentali e infatti le simcard possono funzionare in oltre 200 paesi al mondo al costo di 10 dollari per gigabyte. Come si può notare dalla foto pubblicata su Reddit, viene richiesto di attivare la scheda negli Stati Uniti prima di viaggiare e accendere il roaming.

Oltre alla possibilità di pagare a consumo 9 euro per gb ovunque, si può anche sottoscrivere il piano illimitato che costa 79 dollari (circa 72 euro) per avere fino a 22 gb di navigazione ad alta velocità che sarà ridotta superato il limite, ma con video a qualità 480p. Si potranno chiamare gratuitamente anche destinazioni internazionali e sfruttare il traffico dati in roaming senza problemi nelle varie nazioni visitate.

Insomma, una scelta piuttosto flat per venire incontro a chi magari viaggia molto spesso o è in procinto di visitare diversi paesi in un breve arco di tempo e non vuole attivare più piani oppure acquistare di volta in volta sim locali.

The post Ora Google vende negli aeroporti sim card che funzionano in 200 paesi appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it