(Foto: Getty Images)

L’assistente virtuale Alexa di Amazon Echo potrebbe essere il testimone chiave in un processo per omicidio avvenuto in Florida. Si tratta della prima volta in cui un dispositivo di assistenza vocale viene chiamato a testimoniare. In realtà, a voler essere precisi, la polizia di Hallandale Beach, negli Stati Uniti, ha richiesto al giudice di ordinare al colosso tech di fornirle le registrazioni di due Amazon Echo relative alle ore nelle quali si sarebbe consumato l’assassinio di Sylvia Galva Crespo, una donna di 32 anni trovata morta in casa sua nello scorso mese di luglio.

L’assistente vocale potrebbe infatti aver ascoltato e registrato gli ultimi istanti di vita della giovane e la lite avvenuta col marito, che resta il principale indiziato. Il 43enne Adam Crespo era già stato arrestato con l’accusa di omicidio di secondo grado, prima però di essere liberato su cauzione. L’uomo – che si proclama innocente –continua a sostenere, in assenza di altri testimoni, che la morte della moglie è stata un semplice incidente. Ecco che il ruolo di Alexa potrebbe essere davvero determinante.

Il dispositivo Amazon Echo, anche quando non è attivamente in funzione, ascolta e registra i rumori che provengono dall’ambiente circostante in modo da potersi attivare subito al comando vocale. Al momento gli inquirenti hanno dato conferma della consegna da parte di Amazon delle registrazioni, di cui però non si conosce ancora il contenuto. Alexa potrebbe essere così l’ago della bilancia dell’accusa – e la condanna – del principale indiziato.

Lo stato della privacy nell’internet of things

Tuttavia, un portavoce di Amazon ha spiegato che la società “non divulga le informazioni dei clienti in risposta alle richieste del governo, a meno che non siamo tenuti a farlo per rispettare un ordine legalmente valido e vincolante”. La vicenda apre così anche il delicato confine della privacy nell’era dell’internet delle cose. Infatti, per quanto molti non ne siano ancora pienamente consapevoli, nelle case intelligenti si è sempre meno soli: sempre più strumenti smart registrano in sottofondo comportamenti, abitudini e voci dei suoi abitanti. Quasi come in un episodio di Black Mirror, il caso della Florida potrebbe difatti divenire pioniere di un futuro distopico in cui un assistente digitale può testimoniare alla sbarra.

Peraltro, negli Stati Uniti ha fatto discutere anche l’utilizzo di un altro dispositivo: Amazon Ring. In California la polizia di una contea ha addirittura promosso l’acquisto di questo strumento – un campanello per le abitazioni private dotato di videocamera – in cambio dell’accesso alle riprese, senza nessuna autorizzazione giudiziaria, e 30 associazioni per i diritti civili hanno già protestato contro un’infrastruttura che giudicano lesiva dei diritti personali. Casi in cui il confine fra giustizia e privacy diventa veramente labile.

The post Per la prima volta Alexa di Amazon testimonierà in tribunale appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it