A stabilirlo è stato il Garante della privacy francese, due settimane dopo una sentenza simile emessa dall’omologo austriaco. Cosa può succedere ora



Leggi l’articolo su wired.it