Per sostenere le spese militari, il governo di Kyiv ha raccolto fondi attraverso le criptovalute fin dai primi giorni dell’invasione russa. Ma il crollo delle monete digitali ha bruciato circa 9 milioni di dollari



Leggi l’articolo su wired.it