(Shutterstock)
Nel 2040 i brand di massa erano in rapido declino. Le aziende creavano prodotti per attirare i gusti unici di ogni consumatore, con cicli di vita sempre più brevi. La tecnologia permetteva di trasmettere messaggi personalizzati direttamente nel cervello di ogni consumatore, nel momento esatto in cui questi mostravano una qualche forma di bisogno. Tuttavia, poiché l’intelligenza artificiale era diventata così efficace nell’identificare quei momenti, i consumatori arrivavano a ricevere fino a 7,8 milioni di messaggi personalizzati al giorno, con una media di 90 micro-brand in competizione ogni secondo per catturarne l’attenzione. Nonostante l’aggregazione delle recensioni che consentiva di ridurre l’asimmetria delle informazioni, il numero di scelte era però diventato troppo grande. Furono…



Leggi l’articolo su blogstar.org.uk