C’è stato un tempo, era il 2015, in cui amicizie di lunga durata hanno rischiato di finire per colpa del famoso fenomeno virale The dress. La foto di un comunissimo vestito era diventata un vero e proprio incubo, che spingeva la gente a schierarsi e le amicizie a rompersi, nei casi peggiori: per alcuni l’abito era nero e blu, per altri bianco e oro. Un rompicapo che aveva riportato nella nostra vita il tema di una diversa percezione cromatica a fronte della stessa immagine.

Forse più in generale dovremmo riflettere di più su come osserviamo il mondo, anche a partire dalle condizioni di luce con cui individuiamo i colori. In questo video, il giornalista di Wired Robbie Gonzalez e il neuroscienzato David Eagleman discutono proprio del tema della costanza del colore, quel fenomeno per cui il cervello percepisce come costante il colore di un oggetto a prescindere dalle condizioni di luce.  Eagleman e Gonzalez partono da un’altra immagine elaborata dal ricercatore Akiyoshi Kitaoka (in questo caso non c’è divisione: tutti vedono il colore rosso delle fragole; ma anche questo pare essere un problema).

Nel video, numerose situazioni sono costruite ad arte per riflettere proprio sul modo in cui gli occhi vedono e il cervello rielabora le informazioni sul colore: non vi resta che scoprire questo affascinante fenomeno.

The post Perché vediamo gli stessi colori in modo diverso? appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it