Fra pochi giorni, precisamente il 27 giugno, si aprirà l’asta per 60 domini web di vario genere. La particolarità di questi domini sta nel fatto che sono basati su blockchain e quindi impossibili da censurare da parte dei governi.

Read this article in the English version here.

Come possiamo vedere nella pagina dedicata ai domini resi disponibili per l’asta ed ordinati in base al numero di visualizzazioni, nella top 5 troviamo domini web legati alla blockchain, precisamente bitcoin.zil, crypto.zil, blockchain.zil, money.zil.

Per partecipare all’asta, che come detto si aprirà il 27 giugno, è ancora possibile registrarsi. Il primo round prevede che i domini web abbiano un price tag di 10mila dollari e che il dominio dovrà essere acquistato pagando tramite crypto, usando bitcoin (BTC), ethereum (ETH), litecoin (LTC) oppure con bitcoin cash (BCH).

La seconda fase, invece, prevista per il 9 luglio prossimo, vedrà una soglia minima di $10 fino ad un massimo di 10mila, ma in questo caso si dovrà pagare solo tramite ZIL, la crypto di Zilliqa.

Zilliqa attualmente è listata su Binance, Bittrex, OKEx, Huobi, Ethfinex e KuCoin, solo per citare i più importanti exchange per volumi.

Qualche giorno fa la blockchain di Zilliqa ha compiuto due anni e il team di sviluppo ha finalmente aperto alla possibilità di creare smart contract, oltre al fatto che sta stringendo numerose e interessanti partnership a partire da quella con l’azienda di marketing Mindshare.

Inoltre, di recente, è anche stata annunciata la prima stablecoin basata su Zilliqa, Hybrid Euro.

The post Pronta l’asta per i nuovi domini web su blockchain appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it