Questo articolo è apparso sul numero di ottobre di Forbes. Abbonati
Il periodo degli studi è stato spesso terreno fertile per la nascita di una startup. Basti pensare alla storia di Facebook: nel 2004 Mark Zuckerberg creò un sito web per favorire l’incontro virtuale della community composta dagli studenti dell’Università di Harvard. Con un obiettivo diverso, ma con la stessa intraprendenza, tre ragazzi italiani hanno dato vita a WeStudents, il primo diario digitale smart disponibile per tutti gli studenti delle scuole superiori, nonché un’unica applicazione per interagire con la propria scuola e i propri compagni: la piattaforma permette di caricare i propri voti, rispondere a sondaggi, leggere le circolari e rimanere aggiornati sugli eventi.
“La nostra app nasce dalle necessità che abbiamo avuto durante il nostro percorso liceale. Se da un lato Facebook iniziava a essere utilizzato…



Leggi l’articolo su blogstar.org.uk