Se i primi lavori dello studio erano stati lodati per la loro narrazione “universale”, il nuovo approccio punta su storie più personali ed eterogenee. Non è per niente una cattiva idea



Leggi l’articolo su wired.it