Si avvicina la scadenza per la nomina dei sindaci e revisori nelle PMI (scadenza 16 dicembre 2019). Tutte le società che superano determinate soglie dimensionali saranno quindi obbligate a nominare un’organo di controllo esterno rappresentato da un sindaco o revisore unico. Riprendiamo e commentiamo le novità introdotte dal codice della crisi e dell’insolvenza (abbreviato CCII) focalizzandoci sulle responsabilità del revisore e dell’organo di controllo.

Le soglie dimensionali per la nomina del revisore

Ai fini della prima applicazione della nuova normativa (art 2477 cc comma 3 e 4), l’obbligo della nomina del revisore scatta se nei due esercizi antecedenti (2018 e 2017), la scadenza la società ha superato almeno una delle seguenti soglie dimensionali:

  • 4 Mln Euro di attivo
  • 4 Mln Euro di ricavi
  • 20 dipendenti occupati in media

Il mancato superamento di tali soglie non esonera l’impresa dall’introduzione dei sistemi di allerta crisi e altre procedure previste dal CCII. L’amministratore è esonerato solamente dalla nomina di un organo di controllo esterno, quindi dovrà provvedere internamente a monitorare gli indicatori della crisi e gli …

L’articolo Responsabilità del Revisore nel nuovo Codice della Crisi si trova su SISTEMI DI ALLERTA.