Redatto da Oltre la Linea.

Di per sé, nel nostro sistema istituzionale così tanto calibrato su pesi e contrappesi, le alleanze di governo non solo sono prevedibili, ma alcune volte anche auspicabili e necessarie, quantomeno per assicurare stabilità di governo e capacità di proiezione strategica sul medio e lungo termine. Insomma, spesso e volentieri allearsi per governare insieme non è il famigerato ‘inciucio’, bensì una vera e propria responsabilità politica che fa anteporre all’accumulo di voto e consenso, il bene del Paese. Inoltre, si sa, la coerenza in politica è uno po’ uno specchietto per le allodole.

Tuttavia (e si tratta di un ‘tuttavia’ enorme), la linea fra la responsabilità politica e l’incoerenza è sottilissima. Dunque, domandiamo al lettore: è responsabilità politica allearsi con il partito contro cui si è nati? È responsabilità politica andare al governo assieme ai “ladri” e ai “corrotti”? È responsabilità politica collaborare con chi, fino al giorno precedente, ha dato al proprio Presidente del Consiglio del “burattino” e della “marionetta” in mano a Salvini e ai Cinque Stelle?

La responsabilità politica può trasformarsi nel peggiore degli inciuci, i quali generano insoddisfazione e insofferenza negli elettori. Quindi attenzione, Movimento Cinque Stelle: sei nato in polemica con Berlusconi e il Partito Democratico per scardinare determinate dinamiche. Stai intraprendendo la strada del governo assieme a quest’ultimo. Gli elettori, quando si ritroveranno in cabina elettorale, non dimenticheranno.

(di Alessandro Carocci)

L’articolo Responsabilità politica ed inciuci nel sistema italiano originale proviene da Oltre la Linea.



Leggi l’articolo completo su oltrelalinea.news