Messari ha da poco pubblicato un report dal quale emerge che per ogni dollaro speso nel Dark Web in bitcoin (BTC) ce ne sono 800 utilizzati per il riciclaggio di denaro. 

In altre parole, il volume di bitcoin utilizzati per fare acquisti in totale anonimato è ottocento volte inferiore al volume dei dollari americani utilizzati per riciclare denaro sporco. 

Questo report di Messari è una risposta diretta alle esternazioni del Segretario del Tesoro USA Steve Mnuchin contro Bitcoin. Secondo Mnuchin, infatti, il crescente interesse per le monete digitali come bitcoin e Libra potrebbe mettere in discussione l’integrità dell’attuale sistema finanziario. 

“Questo è davvero un problema di sicurezza nazionale. Criptovalute come bitcoin sono state sfruttate per sostenere miliardi di dollari di attività illecite come criminalità informatica, evasione fiscale, estorsione, ransomware, droghe illecite e traffico di esseri umani”. 

Il report di Messari serve per inquadrare bitcoin nel contesto finanziario globale, in modo da comprendere se le preoccupazioni di Mnuchin siano realistiche, o meno, anche in merito al riciclaggio di denaro.

Il primo dato evidenziato è proprio il rapporto tra i bitcoin utilizzati nel Dark Web per effettuare transazioni anonime ed i dollari americani utilizzati per riciclare denaro. 

Il rapporto è di 1 a 800, rendendo il dollaro molto più pericoloso di bitcoin.

Il secondo dato, invece, si riferisce al volume della massa monetaria circolante in BTC: in totale ci saranno in circolazione solamente 21 milioni di bitcoin, mentre la massa monetaria in dollari americani attualmente è pari a 362 milioni di BTC e quella in euro addirittura a 877 milioni di BTC, con una differenza del 98% rispetto a bitcoin.

Il terzo dato confronta l’incremento del bilancio della Fed, in miliardi di dollari, dal 2009 ad oggi, con il corrispettivo valore dei BTC creati ed immessi sul mercato con il mining dal 2009 ad oggi, prendendo come riferimento il valore in dollari al momento della loro creazione. 

Il bilancio della Fed in questi 10 anni è aumentato di quasi 1.700 miliardi di dollari, mentre il volume in dollari dei BTC creati nel medesimo periodo è di appena 12 miliardi, con una differenza del 13.664%. 

Da questi dati è difficile immaginare come bitcoin ad oggi possa mettere in discussione l’integrità dell’attuale sistema finanziario. Ciò fa presupporre che le preoccupazioni del Segretario del Tesoro USA siano ampiamente sopravvalutate.

The post Riciclaggio denaro: il dollaro batte bitcoin 800 a 1 appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it