I responsabili della violazione hanno inviato 100mila email segnalando una falsa minaccia. Il presunto autore dichiara di aver voluto dimostrare la vulnerabilità dei sistemi dell’agenzia federale



Leggi l’articolo su wired.it