Un piccolo velivolo senza pilota capace di orientarsi in autonomia e seguire – come un cane da tartufi – le scie odorose degli oggetti. Lo ha progettato un team internazionale di ricercatori guidati dall’università di Washington, che ce lo presenta in questo video.

Il prototipo, denominato Smellicopter e descritto nei dettagli in una pubblicazione su Iop Bioinspiration & Biomimetics, è dotato di olfatto grazie a una strategia letteralmente strappata alla natura: un’antenna prelevata da una falena e poi collegata a un sistema di trasmissione degli stimoli artificiale.

Perché realizzare sistemi come questo? Un domani potrebbero aiutarci nel tenere sotto controllo situazioni di pericolo come le fughe di gas, o di liquidi infiammabili o tossici, così come scovare ordigni inesplosi in scenari di guerra.

(Credit video: Kiyomi Taguchi/University of Washington; credit immagine: Mark Stone)

The post Si chiama Smellicopter ed è un drone che fiuta gli odori appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it