Lo studio a cura dell’Università di Hull, nel Regno Unito, ha rilevato particelle di plastica in campioni polmonari derivanti da persone viventi, anche nei tratti più profondi del sistema respiratorio. Questo suggerisce che l’inalazione sia una via di esposizione regolare all’inquinamento da microplastiche



Leggi l’articolo su wired.it