Redatto da Oltre la Linea.

George Soros scende in campo contro i sovranisti tedeschi, in particolare nella Germania orientale. Secondo quanto riportato da Dw, la fondazione del miliardario americano prevede di espandere le operazioni nella Germania dell’est, dove i populisti di destra sono forti, ha reso noto venerdì l’Open Society Foundation. “Come primo passo lavoreremo con partner locali nella zona est di Berlino e nelle aree circostanti per lanciare un’iniziativa per combattere i crimini di odio”, ha affermato Selmin Caliskan, direttore dell’ufficio berlinese della fondazione di Soros. I dettagli dell’operazione verranno resi noti nei prossimi mesi.

Soros contro l’Afd alleata di Salvini

Soros vuole contrastare la presenza, oramai radicata, di Alternative für Deutschland (AfD), la formazione sovranista alleata di Matteo Salvini. Come sottolinea Luca Steinmann su Limes, l’Alternative für Deutschland (AfD) è forte soprattutto nei territori dell’ex Repubblica Democratica Tedesca (DDR), dove i cittadini sembrano essere più sensibili al patriottismo. Quali le origini di questa differente sensibilità rispetto all’Ovest?

I tedeschi dell’Est, osserva, “sono generalmente patriottici perché nella DDR il patriottismo veniva insegnato e concepito come una componente importante della sinistra tradizionale. Esso si manifestava soprattutto nelle ricorrenze, per esempio cantando l’inno nazionale con la strofa «Deutschland einig Vaterland» («Germania patria unita»), celebrando tutti gli anni la festa nazionale e la giornata dell’Armata nazionale del popolo (Nationale Volksarmee)”.

Il nuovo libro che difende Soros

Nel frattempo, come scrive IlGiornale.it, contro i “sovranisti” e “populisti” che osano mettere in discussione l’operato del finanziere è uscito per Chiarelettere L’affaire Soros. Il nemico numero uno dei sovranisti e della destra antisemita, protagonista della finanza globale del giornalista Luca Ciarrocca. Come si legge nella scheda del libro, Ciarrocca “ha provato a ricostruire le incredibili tappe della sua vita, tutta giocata sull’azzardo e la sfida: tra fake news colossali alimentate persino da Trump, campagne diffamatorie e indubbie verità, ecco l’identikit del ‘pericoloso estremista della sinistra radicale’ simbolo del male assoluto, capo della cupola che vorrebbe dominare il mondo”.

Già da queste poche righe si comprende benissimo che il lavoro di Luca Ciarrocca, fondatore di Wall Street Italia, non è particolarmente critico nei confronti del finanziere di origini ungheresi. Anzi. Eppure, come nota Francesco Borgonovo su La Verità, Ciarrocca è intellettualmente onesto: ha le sue idee, le esprime, ma non si fa affatto obnubilare dall’ideologia. Il suo libro è denso, documentato, preciso e molto, molto interessante. Ad esempio racconta che Soros, se non avesse versato 18 miliardi del suo fondo alla Open society alla fine del 2017, sarebbe stato soggetto a un’ aliquota del 52,29%, mentre così l’ aliquota è del 5%.

(La Redazione)

L’articolo Soros scende in campo contro i sovranisti tedeschi originale proviene da Oltre la Linea.



Leggi l’articolo completo su oltrelalinea.news