(foto: Cristina Iranzo/Getty Images)

Si stima che circa 1 persona su 10, e il 50% dei bambini asmatici, soffra di forme più o meno acute di allergia ai gatti. Tra starnuti, difficoltà respiratorie, pruriti e irritazioni, molte delle persone allergiche preferiscono – o sono proprio costrette, per tutelare la propria salute – a vivere lontano da questi felini. E, inquadrando il problema dall’altro punto di vista, molti gatti domestici vengono allontanati dalle case quando uno o più degli inquilini inizia a manifestare un’allergia, finendo abbandonati per strada o in custodia presso un gattile.

Il problema potrebbe essere però vicino a una soluzione, almeno parziale. Secondo i risultati di uno studio scientifico pubblicato qualche giorno fa sul prestigioso Journal of Allergy and Clinical Immunology, è già in fase di sviluppo avanzato un vaccino che potrebbe eliminare (o perlomeno ridurre in modo significativo) il problema dell’allergia ai gatti, intervenendo direttamente sulla proteina che funge da allergene.

Come funziona il vaccino

La prima informazione da sapere è che a essere vaccinati non saranno gli umani, bensì direttamente i gatti. Se questo scongiura il rischio di eventuali perplessità nell’opinione pubblica per un ulteriore vaccino da somministrare a bambini e adulti, allo stesso tempo però rende evidente che nessuno potrà essere del tutto guarito dall’allergia: l’idea, infatti, è di immunizzare i gatti domestici delle abitazioni in cui vive almeno un allergico, in modo che i felini – resi dunque anallergici – possano continuare a rimanere in casa senza arrecare fastidio. Per tutti gli altri gatti non vaccinati, invece, il problema degli allergici resterebbe esattamente quello di adesso.

Dal punto di vista tecnico, il vaccino agisce sulla proteina Fel d 1, che nei gatti è presente soprattutto nella saliva e nelle ghiandole sebacee, rappresentando (attraverso il pelo, dove si accumula) il principale fattore scatenante dell’allergia. Il vaccino messo a punto da un team di ricerca dell’ospedale universitario di Zurigo, in Svizzera, è progettato per indurre nei gatti una reazione autoimmune controllata, in modo che la proteina Fel d 1 venga attaccata e neutralizzata dal sistema immunitario, senza ovviamente arrecare danno alla salute dei gatti stessi. Il vaccino, che in onore del concetto di gatti ipoallergenici è stato chiamato HypoCat, è stato realizzato a partire dal virus del mosaico del tabacco, ovviamente inattivato e utilizzato in combinazione con un adiuvante.

vaccino_gatti
(foto: Elena Leonova/Getty Images)

A che punto siamo con la sperimentazione

Al momento, come hanno scritto gli scienziati, sono già stati sottoposti al trattamento sperimentale 54 gatti, che non hanno manifestato alcun effetto avverso alla vaccinazione, dopo che era già stata portata a termine nel corso degli ultimi 10 anni una serie di test in vitro dai risultati incoraggianti. In tutti i casi è stata registrata la risposta immunitaria desiderata, anche se l’eliminazione dell’allergene è stata a volte totale e altre volte solo parziale.

Ciò che invece è ancora da verificare – e non si tratta affatto di un dettaglio – è quanto la riduzione della proteina Fel d 1 si traduca in una effettiva diminuzione dei sintomi allergici nelle persone. Anche se un qualche effetto positivo pare essere più che plausibile, manca al momento una conferma sperimentale del beneficio in termini quantitativi.

Secondo quanto è possibile prevedere al momento, il tempo stimato per l’arrivo del vaccino in commercio è di circa tre anni. Indipendentemente dal suo livello di efficacia, il miglioramento rispetto alla situazione attuale dovrebbe essere notevole. Per ora, infatti, non esiste alcun rimedio specifico contro l’allergia ai gatti, se non il ricorso ai classici trattamenti antistaminici e l’ovvio consiglio di ridurre il contatto diretto con i felini e con il loro pelo. Nella migliore delle ipotesi, poi, il nuovo vaccino potrà ridurre l’incidenza – specialmente nei bambini – di malattie croniche come l’asma, che come noto può essere indotta proprio dall’esposizione prolungata agli allergeni.

The post Sta arrivando un vaccino contro l’allergia ai gatti appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it