Nella giornata odierna si distingue tra le top 20 Stellar (XLM), il cui valore oggi sale di oltre l’11% nonostante le ultime ore siano state caratterizzate da un blocco della blockchain dovuto a un problema di consenso di validazione per alcuni dei miner più importanti.

Grafico Stellar by Tradingview

Gli investitori di Stellar non si sono fatti prendere dal panico e hanno sostenuto le quotazioni che stanno spingendo il valore di Stellar a segnare il miglior rialzo tra le prime 50.

Al contrario, ieri un bug rilevato successivamente al fork di Bitcoin Cash aveva fatto scendere i prezzi oltre il 5% risaltando il segno rosso, l’unico nella giornata di ieri pomeriggio. Poi è tornato tutto nella normalità e, infatti, oggi Bitcoin Cash vede salire ulteriormente del 3% il proprio valore con le quotazioni che si spingono a testare i 400 dollari.

Dopo la volata rialzista iniziata dalla scorsa settimana, bitcoin (BTC) nella notte si spinge ad aggiornare i suoi record annuali in area 8.350 dollari. Ma nelle ultime 48 ore il resto del settore ha iniziato a beneficiare del forte rally che stava accumulando bitcoin. Così gran parte delle altre criptovalute nella notte ha aggiornato i massimi dell’anno e degli ultimi sei mesi.

Stellar (XLM): il valore oggi a +11%
Fonte: COIN360.com

Questo mette in luce una ulteriore giornata dove prevalgono i segni positivi. Tra le prime 100 criptovalute oltre il 70% si mantiene oltre la soglia della parità.

Tra i maggiori rialzi di giornata si fa notare anche Ethereum che nella notte è andato a toccare i 270 dollari, rivedendo i livelli dello scorso inizio settembre. Altro rialzo positivo è EOS che sale del 4,5%.

Tra le peggiori invece il ribasso più profondo viene toccato da Project Pai (PAI), token semisconosciuto che occupa l’81° posizione e che scende di oltre 8%. Tra le più famose risalta Zilliqa (ZIL) che insieme a Ontology (ONT) ritracciano di oltre il 3%.

Anche Ripple dopo le corse degli ultimi giorni scende del 3%.

Stellar (XLM): il valore oggi a +11%
Grafico Ripple by Tradingview

Per Ripple la dinamica che si sta configurando è un ritracciamento che se dovesse proseguire anche nelle prossime ore con la stessa dinamica, farebbe ripetere quanto accaduto lo scorso dicembre, quando un forte movimento rialzista fu assorbito nei giorni successivi. Per questo bisogna prestare molta attenzione a quanto accadrà a Ripple nei prossimi giorni.

Il rialzo concertato di tutte le maggiori criptovalute spinge il market cap a toccare i 250 miliardi di dollari per poi tornare a 245 nelle ultime ore.

La dominance del bitcoin continua a perdere qualche decimale per il ritorno della forza delle altcoin, e si attesta poco sotto al 57%. I recenti rialzi di ethereum si riflettono sulla quota di mercato che sale oltre il 10% ad un passo dall’11%. Lo stesso accade a Ripple, anche se con un’intensità decisamente inferiore: dopo i rialzi degli ultimi due giorni XRP si riprende oltre il 7% della quota di mercato e cerca di mantenersi sopra questa quota percentuale.

Stellar (XLM): il valore oggi a +11%
Grafico bitcoin by Tradingview

Valore Bitcoin (BTC)

Bitcoin nella notte ha raggiunto gli 8.350 dollari, livello che non si registrava da luglio 2018.

Questo ulteriore spunto rialzista segna un rialzo del 112% dai minimi di fine marzo, da dove parte l’attuale ciclo bimestrale che potrebbe concludersi ei prossimi giorni. Un movimento così veloce al rialzo non ha lasciato nel cammino nessun livello di supporto valido da considerare, pertanto in questa condizione è consigliabile avere prudenza e attendersi un ritracciamento che prima o poi avverrà da parte dei prezzi, sostenuto dalle prese di beneficio da parte degli investitori.

Bisognerà valutare se i prezzi si fermeranno sopra i 7.500 dollari o se un affondo riporterà le quotazioni sotto i 6.800 dollari È importante perciò attendere un consolidamento da parte dei prezzi e la formazione di un supporto valido per poter valutare il ritorno degli acquisti.

Stellar (XLM): il valore oggi a +11%
Grafico Ethereum by Tradingview

Valore Ethereum (ETH)

Per Ethereum il risveglio avvenuto 5 giorni fa si sta estendendo e sta spingendo i prezzi oltre i livelli dei 270 dollari, valori che ETH non registrava dallo scorso settembre 2018.

Il rialzo degli ultimi 4 giorni vede i prezzi di Ethereum a +60%, evidenziando un movimento verticale che sta attirando le prese di beneficio da parte di chi ha creduto in un recupero di valore per la seconda criptovaluta più capitalizzata.

ETH con il rialzo delle ultime ore mette a segno un rally del 230% dai minimi di metà dicembre 2018.

Anche Ethereum non avendo costruito delle basi di supporto e appoggio in caso di ritracciamento vede ampi spazi di discesa fino ad area 180-200 dollari. Un eventuale movimento che dovesse riportare i valori a questi livelli, oltre ad annullare totalmente quanto costruito in questi ultimi 5 giorni, farebbe precipitare la fiducia nuovamente tornata con la conferma di importanti volumi in acquisto che nelle ultime 24 ore hanno addirittura superato gli scambi avvenuti su bitcoin.

Al rialzo una spinta oltre i 280 dollari proietterebbe i prezzi a testare i 300 dollari. Un livello di 100 dollari superiore dai 200, violato solo 24 ore fa.

The post Stellar (XLM): il valore oggi a +11% appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it