Durante la scorsa edizione del Malta Blockchain Summit, tra i leader del settore presenti c’era anche Steve Muscat Azzopardi, Senior Manager di Chetcuti Cauchi, una delle aziende legali più importanti della Blockchain Island.

Così, con Steve abbiamo avuto l’occasione di parlare di regolamentazione e blockchain, in uno dei Paesi leader del settore e che sta attirando sempre più interesse da parte delle aziende e startup crypto.

Secondo te, quando e perché Malta potrebbe diventare il centro globale della nuova finanza blockchain?

Ritengo che Malta sia già un centro di servizi finanziari molto affermato sui mercati tradizionali, basta guardare alle banche, alle istituzioni finanziarie e così via. Ovviamente, in quanto nuovo Stato membro dell’UE rispetta tutte le direttive comunitarie pertinenti e, chiaramente, qualsiasi operazione avviata a Malta può godere di un passaporto per il resto dell’UE. 

Per quanto riguarda la finanza blockchain, Malta ha emanato lo scorso anno un ampio pacchetto di normative, che è stato innovativo in quanto nessun altro Paese ha emanato una gamma così ampia di leggi e riteniamo che ciò fornisca chiarezza agli operatori che si sono stabiliti a Malta su ciò che devono fare per soddisfare i requisiti di conformità. Avendo imprese regolamentate, riteniamo che ciò fornirà agli investitori e ai consumatori maggiore fiducia per partecipare effettivamente all’economia basata sulla tecnologia blockchain. 

Secondo te, quali caratteristiche sono necessarie per fare di Malta un hub blockchain sempre più rilevante?

Ovviamente siamo ancora agli inizi, tuttavia di recente sono successe molte cose nell’industria delle criptovalute nel suo complesso, ma è ancora molto presto se lo si confronta con le evoluzioni storiche del mercato, siamo ancora nei primi 5 minuti di un’economia. 

Credo che ciò che aiuterà Malta è una rigida regolamentazione, Malta ha agenti VFA che agiscono da intermediari tra gli operatori e il regolatore e fungono da filtro. Inoltre, se si lavora di pari passo con il regolatore per garantire la qualità degli operatori che si insediano e operano da Malta, allora questo aiuterà la reputazione dell’isola come un marchio di approvazione e chiaramente l’obiettivo per Malta è quello di operare nella settore blockchain come abbiamo fatto nel settore del gaming, in cui le licenze presenti a Malta sono considerate tra le migliori, se non le migliori, al mondo. Questo è certamente qualcosa che richiede sforzi, ci vogliono molti anni per arrivarci e un lavoro continuo, non si raggiunge il top per poi smettere di fare quello che si sta facendo per rimanere lì, quindi è una questione di continui investimenti nel settore, a partire dal livello normativo alle misure di monitoraggio, oltre ad assicurare che la giurisdizione resti attraente sia per i nuovi operatori stabiliti che per quelli nuovi. 

Non è un segreto il fatto che a Malta, ma anche in tutto il mondo, c’è una competizione tra le banche per accettare le compagnie crypto: sempre più banche stanno capendo questo settore e in che modo possono capire e mitigare i rischi di accettare i business crypto. Quindi crediamo che questa sia un’area dove c’è un immediato potenziale di crescita, sia per le banche e le istituzioni finanziarie esistenti, sia per quanto riguarda la comprensione e l’apertura delle loro porte alle criptovalute.

Secondo voi, è davvero necessario creare nuove leggi per regolare le criptovalute?

È assolutamente necessario? Forse no, tuttavia, crediamo che farlo sia la giusta direzione da prendere. Crediamo che, come abbiamo visto quando le criptovalute non erano regolamentate nel 2016 e ancor più nel 2017, ci sono stati un gran numero di ICO, che alla fine si sono rivelate truffe o magari non intenzionalmente fraudolente ma comunque mal gestite e di conseguenza gli investitori hanno perso una quantità enorme di valore, che ovviamente è motivo di preoccupazione e non porta benefici a nessuno. Ci sono state anche storie di wallet e exchange che sono stati hackerati e, ancora una volta, criptovalute sono andate perdute. 

Questi non sono titoli che attireranno il grande pubblico a partecipare alla crypto economia, quindi credo che le norme contribuiranno a creare un campo di gioco regolamentato in cui gli operatori possono creare un negozio con un determinato livello di governance, di conformità, di gestione del rischio e di misure di attenuazione del rischio in atto, e che permetterà ai consumatori e agli investitori nel loro insieme di partecipare a questa iniziativa, perché per ora credo che sia ancora molto limitata ai primi utenti e forse alla fase successiva, mentre per far fiorire l’economia delle criptovalute dobbiamo vederla crescere nel modo in cui abbiamo visto, ad esempio, crescere i pagamenti online. 15 anni fa, i pagamenti online non esistevano e ora l’aumento annuale è incredibile, mettendo in grave difficoltà il commercio al dettaglio. 

Questo perché esistevano determinate misure in atto, per cui i principali attori del commercio elettronico, ad esempio, hanno fornito garanzie, in modo tale che se si acquistava qualcosa online e il prodotto acquistato non veniva ricevuto, allora il denaro veniva rimborsato, ad esempio, ed è proprio qui che riteniamo che la regolamentazione possa aiutare. 

Malta ha adottato misure di regolamentazione e riteniamo che altri paesi debbano fare lo stesso, e forse addirittura arrivare a un punto in cui, ad esempio nell’Unione Europea, si potrebbe arrivare a una direttiva o a una legge armonizzata sulle industrie di crypto e blockchain, che offriranno i vantaggi del passporting, ma anche per garantire che un operatore possa scegliere in quale paese insediarsi e che il consumatore sappia che l’Europa offre quel livello di governance e di regolamentazione nel modo in cui ha costruito, ad esempio, gli UCITS per quanto riguarda i fondi, o la MiFID per gli strumenti finanziari, ma anche tutto il resto, come la direttiva bancaria, gli istituti finanziari e così via. Riteniamo che la regolamentazione sia di aiuto.

Quali sono i prossimi passi per Malta per aumentare la sua rilevanza nel mondo blockchain?

Malta non si è fermata con le leggi che ha emanato l’anno scorso, le autorità di regolamentazione stanno esaminando attivamente ciò che si può e si deve fare, quindi qui crediamo che stia agendo su diversi fronti. Sicuramente sta esaminando le leggi già emanate e forse sta riesaminando il funzionamento pratico di queste ultime, sono sufficienti? Sono eccessive? 

Su base continuativa stanno emanando linee guida destinate agli agenti VFA e agli operatori, indicando come si possono e si devono svolgere le attività commerciali, il che riguarda gli accordi esistenti. Inoltre, il governo sta guardando al futuro in merito a quali sono le prossime tappe. Qui siamo all’AI e Blockchain Summit, l’intelligenza artificiale è una delle nuove tecnologie che fa sempre più parte della vita quotidiana delle persone e ci si aspetta che lo sia sempre di più. Dunque, quando ci saranno aziende che avranno accesso a un livello così elevato di dati riservati sulle persone, dovrebbero avere libero accesso per fare quello che vogliono? 

Guardiamo ad esempio Facebook che tende a fare quello che desidera fino a quando le regole lo fermano, beh, l’idea qui è che vogliamo regolamentare prima di arrivare a quella fase. Ci sono anche altre aree che il governo sta considerando, ad esempio, la realtà aumentata e la realtà virtuale, dove la tecnologia sta avanzando e può necessitare di regolamentazione, però non c’è una certezza. 

Al momento siamo entusiasti di blockchain, AI, VR e AR come nuove tecnologie e ci saranno sempre nuove innovazioni in uscita, le possibilità di ciò che possiamo fare con esse incrementano.

Quali sono i vostri obiettivi personali e i vostri piani per il futuro come uno dei più importanti studi legali del Paese?

Speriamo di continuare a consigliare i nostri clienti in questo mondo in evoluzione, non solo anticipando le nuove leggi, ma anche contribuendo a queste ultime e aiutando a plasmare la regolamentazione attraverso la partecipazione a forum di discussione, contribuendo alla politica governativa e ai documenti di consultazione e garantendo che il feedback che riceviamo dai nostri clienti internazionali sia trasmesso ai regolatori. 

In questo modo, loro potranno elaborare leggi che garantiscono efficacemente la stabilità del mercato, l’integrità e la tutela dei consumatori e degli investitori, ma anche la libertà degli operatori economici di godere di un ambiente in cui le nuove imprese possono prosperare, in cui le imprese esistenti possono espandersi, in cui le nuove idee possono ricevere attenzione ed energia per prosperare senza un livello di regolamentazione così elevato che le paralizza, e a parte questo, ovviamente, continueremo a investire nel nostro team, per garantire che le nostre competenze rimangano ai massimi livelli e ci aiutino a rimanere al livello ottimale.

The post Steve Muscat Azzopardi: “Malta sarà aiutata da una rigida regolamentazione crypto” appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it