Per evitare la censura della piattaforma gli utenti che vogliono sensibilizzare sul tema sono costretti a ricorrere eufemismi, contribuendo involontariamente alla diffusione di pregiudizi



Leggi l’articolo su wired.it