Il rover Curiosity le ha identificate utilizzando una nuova tecnica, basata sulla “chimica umida”. La scoperta è avvenuta in parte per caso. Anche se non sono una prova di vita su Marte, potrebbero aiutarci a capire qualcosa in più



Leggi l’articolo su wired.it