Dai drammi storici che esaltano il pluralismo etnico a quelli contemporanei che sottolineano il progressismo sui diritti. Taipei cerca di approfittare della chiusura di Pechino per rilanciare il proprio soft power artistico e insieme insistere sulla sua alterità culturale



Leggi l’articolo su wired.it