(foto: Getty Images)

Tra più privacy e più sicurezza, gli Stati Uniti scelgono la prima. Il consiglio comunale di Oakland, l’ottava città della California, ha approvato all’unanimità un provvedimento che vieta alle autorità locali, compresa la polizia, di usare il riconoscimento facciale per fare indagini, acquisire più informazioni sulle persone o rintracciare individui.

L’ordinanza è simile a quella già approvata all’inizio dell’anno  a Somerville, in Massachusetts, e a San Francisco. In quest’ultimo caso, il divieto si estende anche alle agenzie governative che dovranno chiedere e ottenere l’approvazione delle autorità locali prima di usare qualsiasi dispositivo di sorveglianza.

Queste decisioni dovrebbero essere prese ovunque dalla persone […] attraverso il voto favorevole dei rappresentanti che hanno eletto” , ha commentato Matt Cagle, un avvocato specializzato in tecnologia e libertà civili che collabora con l’American Civil Liberties Union, un’associazione non governativa che tutela i diritti e le libertà dei cittadini americani.

Per ora, però, non c’è un consenso nazionale. La settimana scorsa il Congresso ha interrogato alcuni di questi funzionari ma non è riuscito a trovare un accordo per regolamentare questi strumenti. Alcuni repubblicani, come Michael McCaul sono contrari a ogni limitazione per motivi di sicurezza. “[Questi sistemi] hanno davvero protetto la nazione”, ha detto. Alcune compagnie, come Amazon, continuano così a vendere questi strumenti e le agenzie ad utilizzarli, il più delle volte nella quasi totale assenza di regole.

Il dibattito sul riconoscimento facciale in Usa

Le tecnologie di riconoscimento facciale vengono usate sempre più spesso, ma soprattutto oltreoceano c’è già da tempo un dibattito sulle conseguenze di un loro possibile abuso. A preoccupare è anzitutto al possibilità che questi strumenti diventino nel lungo termine un modo per controllare i cittadini a loro insaputa e senza il loro consenso: strumenti di sorveglianza di massa, in poche parole.

Dieci giorni fa il Washington Post ha scoperto che l’Fbi e l’Ice, l’Agenzia federale statunitense che si occupa del controllo delle frontiere e dell’immigrazione, avevano usato il riconoscimento facciale per confrontare le foto delle patenti di guida con le immagini di persone che erano immigrate illegalmente nel paese o erano sospettate di aver commesso un crimine. Il tutto, senza chiedere il permesso o informare chi era coinvolto nell’operazione.

Non dicono mai alle persone che vanno a ritirare la loro patente, che il loro volto finirà nelle mani dell’Ice”, aveva detto Harrison Rudolph del Centro sulla tecnologia e la privacy dell’università di legge Georgetown, interpellato dalla Cnn. “Inoltre, le tecnologie di riconoscimento facciale non funzionano così bene quando devono esaminare il volto di una persona giovane, di colore o di una donna. Specialmente con le foto di bassa qualità, si rischia un missmatch dovuto a questo tipo di pregiudizi”.

The post Tre città negli Stati Uniti hanno deciso di vietare il riconoscimento facciale appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it