Farsi un giro attraverso la materia grigia di un essere vivente e osservarlo con una risoluzione mai vista prima – di un singolo nanometro – è oggi possibile. Lo strumento si chiama BigStitcher, un software che ricostruisce in realtà virtuale intere aree del sistema nervoso e attraverso il quale si può persino mettere in evidenza le differenze tra un neurone e l’altro.

Esplorate il cervello di un topolino con questo video, dove le fibre nervose che esprimono alcuni geni particolari sono distinte dalle altre per il colore verde: un piccolo dettaglio, dal punto di vista estetico, ma che può fare un’enorme differenza quando si tratta di studiare l’evoluzione di una patologia o gli effetti di un farmaco.

(Credit video: Preibisch Lab / Treier Lab, MDC)

The post Un Google Maps in 3D per il cervello appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it