(Foto: Apple)

La tecnologia di rilevamento del battito irregolare di Apple Watch è così precisa e affidabile che ha già salvato diverse vite. Sono svariati i casi di utenti con al polso l’orologio smart che sono stati avvertiti in modo tempestivo e attendibile dell’imminenza di un episodio pericoloso, così da recarsi subito in ospedale e evitare il peggio.

Insomma, una funzione così preziosa che per molte persone è stata decisiva per propendere proprio per lo smartwatch dei californiani invece che per la concorrenza. Eppure, c’è chi ha accusato Apple di aver rubato questa tecnologia, come il medico newyorkese Joseph Wiesel che ha intentato una causa legale contro il colosso a stelle e strisce.

Come riportato da Bloomberg, il dottor Wiesel punta il dito proprio contro il premiato metodo di rilevazione del battito irregolare di Apple Watch, che monitora passivamente la frequenza cardiaca fornendo notifiche in tempo reale quando qualcosa non va.

I documenti pubblicamente consultabili raccontano che nel 2006 l’attuale professore della Nyu School of Medicine aveva depositato un brevetto su “metodo e apparato per determinare una possibile fibrillazione atriale”.

Il dottor Wiesel ha riportato di aver condiviso con Cupertino alcuni dettagli fondamentali del brevetto nel settembre 2017, ma la società “ha rifiutato di negoziare in buona fede” lasciandogli come unica strada quella di un’azione in tribunale. Apple avrebbe dunque sfruttato la tecnologia senza permesso e senza versare le dovute royalties.

Sul fatto che Wiesel abbia registrato regolarmente il metodo di rilevazione della fibrillazione atriale non ci sono dubbi. Ma i suoi legali ora dovranno affrontare una lunga e dura battaglia per riuscire a dimostrare che ciò che Apple ha messo in pratica con Watch sia del tutto paragonabile al suo metodo e non qualcosa di soltanto simile. Non resta che attendere gli sviluppi.

The post Un medico ha denunciato Apple per il rilevamento cardiaco del Watch appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it