(immagine: Cdc/ Alissa Eckert, MS; Dan Higgins, MAM – This media comes from the Centers for Disease Control and Prevention’s Public Health Image Library (PHIL), with identification number #23312)

Abbiamo a disposizione la sequenza genetica, l’immagine tridimensionale e anche una mappa 3D su scala atomica delle punte (spike) della corona di Sars-Cov-2, quelle strutture proteiche che gli permettono di infettare le cellule. Insomma, abbiamo tutto quello che serve per sviluppare armi contro il nuovo coronavirus. Tanti ricercatori sono già all’opera.ì, ma più si è meglio è. Per questo l’università di Washington ha lanciato su Foldit (una piattaforma progettata per raccogliere i contributi degli utenti nella ricerca sulle proteine) un nuovo rompicapo a tema coronavirus: disegnare il miglior preservativo molecolare possibile che, incappucciando la corona proteica del virus, gli impedisca di entrare nelle cellule – un tipo di antivirale, insomma.

I progetti con i punteggi di compatibilità più alti potrebbero venire prodotti dall’Institute for Protein Design dell’università statunitense e testati.

Per provare a risolvere il puzzle non occorre per forza essere scienziati, ma un po’ di dimestichezza potrebbe servire. Come si legge su Foldit, i giocatori dovranno disegnare una nuova proteina che si leghi alle catene laterali del sito di legame del virus con le cellule, per bloccare l’interazione con i recettori umani. I contatti devono essere tanti, con diversi legami a idrogeno. Servono anche molte strutture secondarie (a elica o a foglietto) e un ampio core. Solo così si può ottenere un alto punteggio di compatibilità, indice che la nuova proteina si legherà in modo corretto alle proteine spike della corona di Sars-Cov-2.

Perché questo appello, anche se in forma di gioco? Perché molte più teste possono fare la differenza in termini di risultati: si possono ottenere buone soluzioni diverse tra loro allo stesso rompicapo in tempi stretti.

E infatti se volete partecipare dovete affrettarvi. La competizione si chiude il 5 marzo.

The post Un puzzle online per aiutare (giocando) lo sviluppo di antivirali contro il coronavirus appeared first on Wired.





Leggi l’articolo su wired.it