Si chiama iCub3 e con lui l’Istituto italiano di tecnologia ha sperimentato per la prima volta la tele-esistenza: vivere un luogo senza esserci fisicamente



Leggi l’articolo su wired.it