Sistemi per misurare la forza dei muscoli o altri parametri del corpo di natura soft, cioè morbida, dotati di elasticità e che possano assumere di volta in volta la forma desiderata, come fossero un chewing gum: è l’ultima invenzione di un team di esperti in bioingegneria dell’Imperial College di Londra, che ha appena presentato i suoi prototipi su Applied Materials & Interfaces.

Il segreto dei nuovi dispositivi è poter tenere insieme le componenti elettroniche, più rigide, mantenendo il tutto nel complesso morbido e adattabile. Per riuscirci gli scienziati hanno dovuto trovare il giusto materiale, che vi presentano in questo video.

Il perché di questi device è, in primis, affiancare i medici durante gli iter di riabilitazione, ma le potenzialità – soprattutto in campo medico – sono davvero infinite.

(Credit video: Michael Kasimatis/Imperial College London)

The post Una nuova generazione di sensori per la medicina appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it