Il processo, ispirato a una ricerca della Nasa degli anni Sessanta, combina CO2 e microbi per produrre alimenti ricchi di proteine e porterebbe grandi vantaggi dal punto di vista ambientale



Leggi l’articolo su wired.it