Corrono veloci, come non mai. Sono le barre di un’impressionante infografica animata che indicano le diverse cause di morte nel mondo, confrontate rispetto a quelle del nuovo coronavirus, nell’arco di tempo che va dal primo marzo al 12 luglio scorso. L’ideatore è Tony Nickonchuk che, servendosi dei dati relativi al nuovo coronavirus della Johns Hopkins, delle informazioni provenienti dal Global Burden of Disease Study e utilizzando la piattaforma Flourish, ha messo a punto un grafico animato per illustrare, appunto, le diverse cause di morte globali negli ultimi mesi e, come si può ben notare, come crescono rapidamente i decessi per il nuovo coronavirus.

Morti totali dovute a varie cause e a Covid-19

Precisiamo, tuttavia, che l’infografica non significa che la Covid-19 è la principale causa di morte: infatti, non sono stati inclusi né i decessi per malattie cardiovascolari né per tumori, le principali cause di morte in tutto il mondo. “Lo scopo non è quello di dimostrare che la Covid-19 è diventata la principale causa di morte a livello globale (perché non l’ha fatto), ma che invece ha raggiunto livelli alla pari di altre malattie ben note come la malaria, e lo ha fatto in un periodo di tempo straordinariamente breve”, commenta Nickonchuk.

Morti per Covid-19 e altre malattie
trasmissibili in economie avanzate

In una seconda infografica, inoltre, l’ideatore mette a confronto i decessi per le malattie trasmissibili e le morti per il nuovo coronavirus nei Paesi sviluppati, sempre dagli inizi di gennaio fino al 12 luglio scorso (mentre in una terza infografica sono riportati gli stessi dati, ma a livello globale). Al primo posto, come si vede nell’ultimo grafico, ci sono le infezioni del tratto respiratorio inferiore, come per esempio la polmonite; ma anche l’hiv, le malattie diarroiche, la tubercolosi, la meningite, l’epatite, la malaria e il morbillo. E anche in questo caso, l’aumento repentino dei decessi per il coronavirus è davvero notevole.

Morti per Covid-19 e
altre malattie trasmissibili

Per quanto riguarda il nostro Paese, come vi avevamo raccontato, dalla fine di febbraio al 30 aprile 2020 ci sono stati circa 28mila decessi accertati collegabili al nuovo coronavirus, mentre fino al 3 giugno scorso sono saliti a 33.601. Nei primi 4 mesi di quest’anno, secondo i dati di un rapporto dell’Istat e dell’Iss, la mortalità per tutte le cause è risultata più alta rispetto a quella registrata negli stessi mesi negli anni precedenti, dal 2015 al 2019. A marzo, per esempio, ci sono stati più di 80mila morti (per tutte le cause), circa 26mila decessi in più (un aumento del 48,6%) rispetto alla media del mese di marzo del periodo 2015-2019. Per quanto riguarda il mese di aprile, i decessi sono stati più di 64mila, circa 16mila casi in più (+ 33,6%) rispetto alla media degli anni precedenti.

The post Un’infografica animata mostra l’aumento dei decessi nel mondo per il coronavirus appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it