>Volare tra una fitta vegetazione, facendo lo slalom tra gli alberi e le fronde, ma avanzando comunque in formazione: è il test superato dallo sciame di droni che potete riguardare in questo video.

Se consideriamo che evitare gli ostacoli per un velivolo a guida autonoma è già di per sé molto arduo anche in solitaria, farlo rimanendo coordinato con altri droni è una vera prova di super-intelligenza.

Il segreto per superare la prova? Una nuova tecnica di navigazione, oggetto di studio di un articolo appena reso pubblico sulla piattaforma di preprint ArXiv, che si basa sulla mappatura rapida di tutti gli ostacoli presenti attraverso la fotocamera di ciascun drone. Ma non solo: una volta costruita la mappa col proprio computer di bordo, ogni drone trasmette la propria traiettoria su una rete wireless, in modo da mettere in guardia gli altri in merito al proprio percorso.

Finora sono stati impiegati fino a dieci droni, ma secondo le stime dei ricercatori il sistema può essere adattato per reggere numeri più alti. L’obiettivo primario, quello di intervenire con questi mezzi in scenari di ricerca e soccorso, come le aree terremotate, o per l’osservazione di habitat naturali difficili o delicati, come appunto le foreste.

(Credit video: Science)

The post Uno sciame di droni che vola in formazione appeared first on Wired.



Leggi l’articolo su wired.it