Nella giornata di ieri, Vitalik Buterin, co-confondatore di Ethereum, ha proposto un’interessante soluzione per migliorare la scalabilità di ETH nel breve termine appoggiata alla blockchain di Bitcoin Cash.

Come riportato sul post di Reddit, infatti, ad oggi per raggiungere un’elevata scalabilità occorre sostanzialmente abbinare soluzioni off chain, veloci ed efficaci appoggiate al layer non scalabile, quale appunto la blockchain di ETH e tante altre criptovalute.

Su Bitcoin la soluzione di questo genere più nota è sicuramente Lightning Network, mentre su Ethereum viene citato Truebit, oltre a Plasma. Tuttavia, come segnalato da Vitalik, si potrebbe fare di più.

Vitalik Buterin valuta l’uso di Bitcoin Cash

Nel lungo termine, almeno un anno a partire da oggi, la blockchain di Ethereum si evolverà alla soluzione pienamente scalabile di Ethereum 2.0. Si prevede che il throughput di dati possa raggiungere i 10 MB/sec, superando qualsiasi altra blockchain esistente.
Nel breve termine, tuttavia, si potrebbe pensare di utilizzare alcune tecniche di scalabilità sfruttando altre blockchain pubbliche esistenti. In particolare, si potrebbero utilizzare blockchain con costi di transazione più bassi rispetto ad Ethereum.
Fra le varie soluzioni, Bitcoin Cash dovrebbe essere la più adatta a tale scopo, per tutta una serie di motivazioni:
  • Elevata velocità di trasferimento dei dati (32 MB in 600 secondi = 53333 byte al secondo contro gli 8 kb al secondo di Ethereum);
  • Fee molto basse: utilizzare Bitcoin sarebbe troppo costoso;
  • Esistono già una serie di strumenti (BTCRelay) pronti per verificare ed utilizzare i blocchi di bitcoin cash all’interno di Ethereum;
  • La community di BCH è ben disposta verso chi utilizza la loro blockchain per dati e transazioni.

Come usare la blockchain di BCH?

La blockchain di BCH potrebbe venir sfruttata nel seguente modo: partendo dalla chain di ethereum, si selezionano casualmente N proponenti. Si incentivano dunque gli utenti ad inviare piccole transazioni in BCH ai proponenti. Nei protocolli di livello due, affinché i dati sulla catena BCH siano validi, è necessario includere come input un UTXO particolare, il quale invia loro un piccolo pagamento in BCH.
In questo modo, una volta che un proponente pubblica una transazione, se il sistema di anti double spending di bitcoin cash funziona impedirà che quella transazione venga sostituita.
In alternativa, si potrebbe comunque utilizzare BCH, seppur in maniera più limitata, anche con gli attuali tempi di blocco, in attesa di ethereum 2.0.
Un’altra blockchain alternativa potrebbe essere Ethereum Classic, che ha un tempo di blocco molto più veloci (14 secondi). Tuttavia, ha una scalabilità nettamente inferiore (~8kb/sec) rispetto a bitcoin cash e la proof of work di ETC è piuttosto difficile da elaborare.
Ovviamente vi sono anche altre blockchain da valutare, anche se permane una necessaria compatibilità per implementare tale protocollo di scalabilità in tempi rapidi.

The post Vitalik Buterin: Bitcoin cash per la scalabilità di Ethereum appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it