Il fondatore di XRPL Labs, la crypto startup finanziata da Ripple, ha confermato lo sviluppo di una nuova app che la sua azienda sta progettando. Un software volto a fare molto di più che consentire agli utenti di inviare crypto da un wallet ad un altro.

In occasione di un evento organizzato dalla community Bitrue ad Amsterdam, Wietse Wind, infatti, ha presentato la mobile app di punta dell’azienda: Xign, descritta come una vera e propria piattaforma per il mobile banking.

Xign consentirà agli utenti di spendere euro, dollari, XRP e altre criptovalute. Il tutto senza l’aiuto di alcun istituto finanziario e grazie ad un’interfaccia utente molto semplice e chiara.

“Xign fornirà un’esperienza utente che oggi è conosciuta come ‘online banking’.
Non stiamo parlando solamente di criptovalute.
Ciò che si potrà fare è, tra le altre cose, controllare il saldo e inviare fondi in qualsiasi valuta.
Non stiamo creando crypto wallet. Stiamo costruendo una ‘banking app’, senza una banca.
Si tratta di un’app basata sul Ledger XRP e sull’ILP (Interledger Protocol)”.

Wind sostiene che tutto ciò è volto ad aumentare il mainstream. Abilitando pagamenti in crypto e in valuta fiat, crescerà in contemporanea l’adozione.

“Non è un’app rivolta a tecnici esperti. Sappiamo che i crypto wallet non sono ancora per tutti, ci vuole un minimo di conoscenza tecnica. Aiuteremo gli utenti attraverso una procedura di installazione guidata, sicura e intuitiva, direttamente all’interno dell’app. Lo renderemo davvero facile e intuitivo.”

Vi saranno funzioni social e sarà semplicissimo inviare denaro. Ovviamente sarà possibile riguardare, approvare o negare i pagamenti a persone ed aziende.

All’inizio di quest’anno, la compagnia di Wind, XRPL Labs, ha ricevuto un investimento da Xpring, un’altra azienda che riceve fondi direttamente da Ripple, per sviluppare diverse iniziative. XRPL Labs sta anche lavorando su un exchange decentralizzato e su un sistema per il cold storage.

The post XRPL Labs sviluppa la prima mobile banking app senza banche appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it