Un nuovo studio mostra come spesso sulla piattaforma vengano inserite per errore parolacce ed espressioni inappropriate dall’intelligenza artificiale che crea i testi



Leggi l’articolo su wired.it