Sale oggi il prezzo di Zilliqa che beneficia dell’annuncio relativo all’integrazione con Chainlink tramite rete Oracle, in un accordo che collegherebbe gli smart contract attraverso un ecosistema integrato tra questi network.

Grafico Zilliqa by Tradingview

Gli investitori premiano Zilliqa con il prezzo che sale dell’8% e si riporta i sopra gli 11 millesimi di dollaro. Zilliqa arriva da un profondo affondo che dai massimi del 2019 raggiunti alla metà di giugno, ai minimi toccati alla metà di luglio, in meno di un mese vede affondare i prezzi di oltre il 65%. Zilliqa tramite queste news prova a ritrovare la fiducia, nel tentativo di riportare i propri prezzi a salire dai minimi di metà di luglio.

Zilliqa, il prezzo sale: +8%
Fonte: COIN360.com

Nel resto del settore delle criptovalute continua il ping pong tra acquirenti e venditori, tra orsi e tori. La giornata si proietta con una prevalenza di segni verdi per oltre il 75% delle crypto. 

Osservando le prime 20, emerge solo un segno rosso, quello del token LEO che scende del 2% tornando a testare 1,30 dollari. Tra i migliori rialzi della top 20 emerge Tezos (XTZ) che sale del 25% dai livelli di ieri, seguito a distanza considerevole da Cosmos (ATOM) che sale del 5%, e prova a recuperare la soglia dei 4 dollari. Anche Bitcoin Cash (BCH) sale del 5% e rivede quota 325 dollari.

Si comporta bene anche il bitcoin riuscendo a mantenere la soglia dei 9.500 dollari, dopo l’affondo di ieri sotto questo livello. Questa mattina BTC torna sopra quota 9.700 dollari. 

Anche Ethereum continua nei tentativi di consolidarsi sopra i 210 dollari.

Ripple, terza in classifica, nonostante le difficoltà sembra sempre più diretta a stabilizzarsi oltre i 30 centesimi di dollaro.

Zilliqa, il prezzo sale: +8%
Grafico Litecoin by Tradingview

Giornata positiva anche per Litecoin a pochi giorni dall’halving. LTC, che ha subito nelle ultime settimane un affondo del 50%, prova ora a stabilizzarsi sopra quota 90 dollari. Se questa soglia trovasse conferma nei prossimi giorni, proietterebbe i prezzi verso la soglia dei 100 dollari.

Tra i rialzi più evidenti della giornata emerge Japan Content Token (JCT) che oramai si caratterizza le forti oscillazioni e oggi torna a salire del 25%, secondo solo a Tezos. 

Dalla parte opposta i ribassi di giornata vedono una perdita di oltre il 10% di Lambda (LAMB), in 64° posizione e 105 milioni di dollari di capitalizzazione. Segue Ren (REN) che ritraccia di circa il 5%. 

I volumi nelle ultime 24 ore scendono ai minimi del mese di luglio. La giornata di ieri chiude con il secondo più basso scambio del mese e con un crollo del 30%, con un totale di volume scambiato su tutto quanto il settore poco superiore ai 55 miliardi di dollari, distanti dai 150 miliardi di dollari scambiati alla fine di giugno.Questo dimostra come l’attuale periodo sia poco attenzionato dagli investitori.

Il market cap si riporta a quota 270 miliardi di dollari. Bitcoin rimane al 64,5% di dominance. Restano invariate anche Ethereum (8,5%) e Ripple che cerca di stabilizzarsi sopra il 5% di quota di mercato, soglia recuperata nel corso dell’ultima settimana.

Ultima settimana che sul saldo settimanale torna a rivedere una prevalenza di segni positivi con riferimento ai livelli di mercoledì scorso.

Zilliqa, il prezzo sale: +8%
Grafico bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC)

Bitcoin in queste ultime ore rompe la struttura ribassista degli ultimi 10 giorni spingendosi oltre quota 9.700 dollari. Un primo debole segnale positivo di una possibile inversione, con prezzi oltre area 10.000 dollari. 

In caso negativo, un ritorno sotto quota 9.500 annullerebbe questo scatto di reni da parte del bitcoin in queste ultime ore e attirerebbe il rischio di una speculazione al ribasso che potrebbe spingere i prezzi sotto i minimi degli ultimi giorni in area 9.200 dollari.

Un movimento che si estendesse oltre i 9.200 dollari provocherebbe anche un aumento pericoloso di un trend ancora impostato al ribasso. 

Zilliqa, il prezzo sale: +8%
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Ethereum mantiene l’impostazione laterale. I prezzi sembrano cercare un consolidamento in area 205 dollari, consolidamento che troverebbe conferme con il ritorno a 225 dollari, o, ancora meglio, con un’estensione oltre i 235 dollari.

Al contrario, una rottura dei 205 dollari, che coincide con la trendline rialzista tracciata dall’inizio di febbraio, inizierebbe a dare indicazioni ribassiste anche in ottica del ciclo bimestrale giunto alla soglia della chiusura. 

Zilliqa, il prezzo sale: +8%
Grafico EOS by Tradingview

EOS 

EOS beneficia del lancio ufficiale del desk decentralizzato EOSfinex con un rialzo di giornata di oltre il 2%. La piattaforma supportata da Bitfinex è stata avviata dopo quattro mesi di test. Dopo l’annuncio, i prezzi si riportano sopra la soglia dei 4,20 dollari. È necessario per EOS spingersi oltre i massimi della scorsa settimana di sabato 27 luglio a quota 4,7 dollari per ambire al recupero dei massimi di luglio in area 6 dollari.

Per EOS è necessario non ritornare sotto quota 3,5 dollari, altrimenti il prossimo step al ribasso vedrebbe il target in area 2,7 dollari. Una spinta oltre i 4 dollari sopra i massimi degli ultimi giorni vedrebbe il primo target ad area 6 dollari e quello successivo a 7 dollari. 

 

The post Zilliqa, il prezzo sale: +8% appeared first on The Cryptonomist.



Leggi l’articolo su cryptominando.it