Si tratterebbe di un’infezione da parte di un poliovirus derivante da vaccino orale, contratta all’estero. Le autorità sanitarie intimano chi è più a rischio di vaccinarsi con il vaccino a virus inattivato, che protegge dalla malattia e da cui non possono emergere ceppi virali di questo tipo



Leggi l’articolo su wired.it